Mar 23 Apr 2024

HomeToscanaCronacaMafia: favori' latitanza boss Bonaccorsi in Toscana,arrestato

Mafia: favori’ latitanza boss Bonaccorsi in Toscana,arrestato

 Avrebbe favorito la latitanza in Toscana del boss catanese Concetto Bonaccorsi, arrestato il 14 aprile del 2017 in una villa a Massa e Cozzile (Pistoia). Questa l’accusa per la quale un 57enne, originario di Catania, Concetto Arcidiacono, residente a Montecatini Terme (Pistoia), e’ stato arrestato dalla squadra mobile di Firenze in esecuzione di una misura di custodia cautelare in carcere disposta dal gip su richiesta del pm della Dda fiorentina Leopoldo De Gregorio.

Giuseppe Bonaccorsi, noto come ‘u carateddu’, fu arrestato nell’aprile del 2017 in una villa di Massa e Cozzile: eraricercato dal settembre 2016: non era rientrato  nel carcere di Secondigliano (Napoli) dopo un permesso premio di tre giorni.Condannato all’ergastolo per omicidio, associazione mafiosa e traffico di stupefacente, e’ indicato come lo storico capo dell’omonima ‘famiglia’ del clan Cappello-Bonaccorsi.

La stessa accusa e’ contestata al fratello del 57enne, Giuseppe Arcidiacono, di 62 anni, nei confronti del quale la misura non e’ stata eseguita poiche’ al momento si trova sottoposto a un provvedimento restrittivo in Argentina per altri motivi.  L’accusa contestata ai due fratelli e’ quella di concorso in procurata inosservanza di penaaggravata dalla finalita’ di favorire un’associazione di stampo mafioso. Eseguite stamani anche perquisizioni a carico di altri indagati nell’inchiesta, residenti nelle province di Pistoia e Catania.

Secondo quanto spiegato dalla polizia in un comunicato, le indagini, condotte dalla sezione criminalita’ organizzata della squadra mobile di Firenze col supporto della mobile di Pistoia e
svolte attraverso ‘mirate attivita’ tecniche di intercettazioni telefoniche e di conversazioni tra presenti’, hanno permesso ‘di acquisire significativi elementi a supporto ed a riscontro del
quadro probatorio a carico dei due fratelli e di altri complici, anch’essi indagati, consentendo di ricostruire la rete di personaggi che hanno consentito all’ex latitante catanese di trasferirsi, al tempo, in Toscana, fornendogli supporto sia logistico che di natura economica’.

Rock Contest 2023 | La Finale

"Prenditi cura di me"