Livorno, stabilimenti balneari: evasi 400.000 euro

mareggiate
LUNGOMARE TERRAZZA MASCAGNI © Imagoeconomica

Negli ultimi mesi la Guardia di finanza di Livorno ha effettuato molteplici controlli sugli stabilimenti balneari regionali. A seguito di questi, si sono constatate numerose evasioni da parte di differenti stabilimenti balneari: tributi non versati nelle casse degli Enti Locali per oltre 400.000 euro.

Questo il quadro che emerge dalle indagini della stazione navale della Guardia di finanza di Livorno nell’ambito di un’ampia attività di servizio nei settori della tutela del demanio marittimo e il corretto assolvimento dei tributi locali. In particolare sono stati sottoposti a controllo numerosi stabilimenti balneari al fine di verificare il rispetto delle concessioni demaniali marittime e il corretto versamento degli importi relativi al canone di concessione marittimo, nonché il pagamento di tributi locali quali Imu e Tari e imposta regionale.

Al termine del periodo estivo appena conclusosi, gli accertamenti condotti anche con l’ausilio dei Comuni interessati, hanno consentito di constatare il mancato pagamento dell’Imu per un importo complessivo di oltre 115.000 euro, della Tari per oltre 210.000 euro e il mancato versamento dei canoni demaniali sui beni del demanio marittimo in concessione e della connessa Imposta regionale per oltre 100.000 euro al netto delle relative sanzioni amministrative accessorie. Un totale che ammonta a oltre 400 mila.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments