Lavoratori turismo, boom di vertenze; presidio Filcams Cgil a Firenze

filcams cgil

🔈Firenze, Oggi in piazza Strozzi si è tenuto un presidio della Filcams Cgil, dove erano presenti lavoratori e lavoratrici dei vari settori, per la campagna ‘BackStage’. “Redistribuire la ricchezza prodotta dal turismo anche ai lavoratori”.

Che succede dietro le quinte del turismo a Firenze, l’industria che muove l’economia della città? Cameriere d’albergo pagate 4 euro l’ora (e la stanza ne costa 500 a notte), lavoro grigio nei ristoranti e nei bar, stipendi e diritti a rischio per le esternalizzazioni nei musei e negli hotel; i lavoratori di questo settore contribuiscono a creare la ricchezza del turismo ma senza beneficiarne. E’ questo quello che denuncia Filcams Cgil: basta pensare che all’Ufficio Vertenze della Cgil fiorentina si aprono centinaia di pratiche l’anno, in questo settore.

“I fenomeni più registrati  sono il ricorso anomalo e ingiustificato ai contratti a chiamata, le aziende che pattuiscono stipendi contrattando un netto in busta paga salvo poi scoprire che è ottenuto con i ratei di tredicesima e quattordicesima, crediti d’imposta e assegni al nucleo familiare, l’elusione contributiva, l’utilizzo di contratti siglati da sindacati non confederali che per il medesimo settore pagano assai meno, anche fino al 35% della paga oraria”, ha affermato Silvio Berlingieri, responsabile dell’Ufficio.

“Il lavoro nel mondo del turismo soffre di problemi di precarietà e Firenze è un emblema di questa situazione, è una città molto visitata dai turisti ma che non riesce a mettere a valore tutto ciò che il turismo produce in positivo”, sono le parole di Cristian Sesena, segretario nazionale della Filcams-Cgil. Secondo il sindacato ci sono condizioni di lavoro assolutamente precarie che interessano dai pubblici esercizi, agli alberghi fino ai lavoratori dei musei.

Per illustrare la situazione di criticità dei lavoratori del settore (attraverso storie, vertenze e i dati dell’Ufficio Vertenze) e per avanzare proposte a istituzioni e controparti datoriali per un turismo sostenibile per la città e gli addetti, oggi in piazza Strozzi a Firenze la Filcams Cgil ha eseguito un presidio con musica e video proiettati, alla presenza di una cinquantina di lavoratori e lavoratrici dei vari settori del turismo e di Cristian Sesena della Filcams Cgil nazionale, all’interno della campagna nazionale “BackStage” dedicata ai lavoratori del turismo.

Gimmy Tranquillo ha raccolto alcune voci dei manifestanti:

avatar