LAV: denunceremo chi abbatterà i Mufloni del Giglio

mufloni

“La Regione, cosa mai fatta negli anni precedenti, ha predisposto un piano venatorio che prevede l’uccisione di 37 mufloni nelle zone al di fuori del Parco” denuncia la  Lav. Che avverte “chiunque dovesse rendersi responsabile della morte dei mufloni”

I  volontari LAV “saranno sull’isola con lo scopo di raccogliere tutto il materiale probatorio necessario per poi denunciare chiunque dovesse rendersi responsabile della morte dei mufloni”. Lo dice in un comunicato la LAV.

Infatti, scrive l’associazione “nonostante le diffide inviate alla Regione Toscana e all’Ambito territoriale di caccia 7 di Grosseto, sembra oramai segnato il destino dei mufloni che vivono al di fuori dell’area del Parco dell’Arcipelago Toscano sull’isola del Giglio (Grosseto) che diventeranno il bersaglio della sanguinaria passione di alcuni cacciatori”.

La LAV ricorda che “a seguito di un accordo sottoscritto a novembre scorso tra il Parco, Lav e Wwf, le uccisioni dei mufloni nell’area del Parco erano state sospese e sostituite da catture e traslocazioni in aree continentali interdette alla caccia. Ma non c’è pace per i mufloni, perché ora la Regione, cosa mai fatta negli anni precedenti, ha predisposto un piano venatorio che prevede l’uccisione di 37 mufloni nelle zone al di fuori del Parco”.

Massimo Vitturi, responsabile Lav, animali selvatici spiega che “assieme al Wwf ci siamo attivati perché il territorio del parco sia esteso a tutta la superficie dell’isola del Giglio, questo comporterebbe l’automatica istituzione del divieto di caccia garantendo così la sopravvivenza degli animali che sarebbero tutelati dall’accordo che ne prevede esclusivamente la cattura e traslocazione”.

Il Gruppo d’intervento giuridico (GrIg) spiega di aver “inoltrato una nuova istanza , il 26 settembre, finalizzata alla realizzazione dell’area faunistica del muflone con il ripristino (un migliaio di metri di recinzione) del precedente recinto del promontorio del Franco (presso Giglio Campese), proposta da Save Giglio. Con una spesa contenuta per il ripristino della recinzione, i pochi esemplari di muflone dell’Isola del Giglio potrebbero vivere in pace senza creare alcun fantomatico problema a biodiversità e agricoltura”.

guest
2 Commenti
vecchi
nuovi i più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Nella
Nella
4 mesi fa

Una raccolta firme può fermare questa strage??!

Michele Giunti
Michele Giunti
3 mesi fa

Controradio, con questa cosa dei mufloni mi siete caduti veramente in disgrazia. Sono anni ormai che avete apertamente preso la posizione della LAV, difendendo l’indifendibile e andando contro a quanto sostenuto dalla stragrande maggioranza del mondo scientifico, nonché dalle istituzioni preposte alla tutela della Natura (Parco Nazionale, ISPRA, IUCN, Programma LIFE dell’Unione Europea, ecc.). Professate l’antiscienza e diffondete la cultura dell’ignoranza. Aggiornatevi!!!!