L’Accademia di Belle Arti trova casa alle ex Leopoldine

accademia
L'assessora Titta Meucci, ha facilitato l'iter della norma per gli studenti ©Controradio

L’Accademia di Belle arti era alla ricerca di nuovi spazi per le proprie attività formative – ha spiegato l’assessore Meucci -: ho proposto l’ultimo piano dell’edificio ex Leopoldine di piazza Tasso, che mi è sembrato adatto alle esigenze dell’Accademia. Un’idea confermata dal sopralluogo con il direttore Claudio Rocca e il presidente Carlo Sisi. Un edificio settecentesco di prestigio che necessita di alcuni interventi di restauro di cui si farà carico la stessa Accademia sulla base della convenzione che ha avuto oggi il via libera della giunta su mia proposta. L’Accademia – ha proseguito l’assessora Meucci – arriverà così in Oltrarno allargando il proprio raggio d’azione e contribuendo al recupero del patrimonio comunale e alla rivitalizzazione del rione grazie ai giovani studenti. Un nuovo tassello di una città a forte vocazione universitaria e di alta formazione”.

L’Accademia di Belle arti di Firenze svolge attività di alta formazione, specializzazione e ricerca nel campo artistico e destinerà l’immobile di proprietà comunale alle proprie attività per un periodo transitorio, di almeno un anno rinnovabile. L’Accademia si farà carico dei lavori di adeguamento funzionale dell’immobile, necessari per destinarlo all’utilizzo didattico e di produzione artistica, oltre delle spese di gestione e manutenzione ordinaria e straordinaria. L’Accademia, oltre a rafforzare l’offerta formativa di carattere locale e nazionale, parteciperà alla vita del quartiere con iniziative da programmare. (sc)

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments