Insegnante schiaffeggia studente a Firenze, carabinieri a scuola

aule

Un professore avrebbe colpito con uno schiaffo un alunno, 15 anni, che si rifiutava di seguire la lezione nonostante i suoi richiami. L’episodio sarebbe avvenuto ieri mattina in un istituto professionale di Firenze. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, allertati dal padre del ragazzo.

Il docente, identificato dai militari, rischia una denuncia per abuso dei mezzi di correzione. L’alunno, visitato al pronto soccorso, è stato dimesso con una prognosi di tre giorni. Secondo quanto ricostruito, il prof avrebbe invitato più volte l’alunno a stare seduto al banco in maniera composta e poi, non avendo ottenuto risultati, lo avrebbe colpito con uno schiaffo.
Il 15enne avrebbe subito avvisato dell’accaduto il padre, che ha chiamato il 112. I militari della stazione di Campo di Marte, intervenuti nella scuola, hanno compilato una segnalazione che adesso sarò inviata alla procura della Repubblica, che potrebbe indagare il docente per abuso dei mezzi di correzione, reato perseguibile d’ufficio.
Anche la famiglia del ragazzo avrebbe annunciato l’intenzione di presentare una querela a carico dell’insegnante, attraverso un avvocato. Non è escluso che i carabinieri decidano di raccogliere le testimonianze degli altri studenti presenti nella classe per ricostruire la dinamica dei fatti.
avatar
2 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
2 Comment authors
Sandro FusiPier Luigi Tossani Recent comment authors
nuovi vecchi i più votati
Pier Luigi Tossani
Ospite
Pier Luigi Tossani

proposta: visto che i genitori NON vogliono educare, o non sono più in grado di farlo, per i motivi ben descritti dal Padre Ariel Levi di Gualdo, qui

https://isoladipatmos.com/roma-sulle-due-sedicenni-morte-sul-colpo-nei-pressi-di-ponte-milvio-lennesimo-pianto-del-coccodrillo-di-una-societa-civile-incapace-a-domandarsi-dove-noi-genitori-abbiamo-sbagliato-e-poi-tragica/

chiudiamo direttamente le scuole, così risparmiamo soldi, arrabbiature, e di far perdere tempo alle forze dell’ordine.

Sandro Fusi
Ospite
Sandro Fusi

Solidarizzo con l’insegnante, senza se e senza ma