Dom 21 Lug 2024
HomeToscanaDirittišŸŽ§Gkn invade Firenze. Il corteo delle risposte (da avere) arriva davanti alla...

šŸŽ§Gkn invade Firenze. Il corteo delle risposte (da avere) arriva davanti alla Regione

Logo Controradio
www.controradio.it
šŸŽ§Gkn invade Firenze. Il corteo delle risposte (da avere) arriva davanti alla Regione
Loading
/

Gkn – Oltre cinque mila persone hanno sfilato oggi pomeriggioĀ  in corteo per le vie di Firenze, per la manifestazione organizzata dal Collettivo di fabbrica della ex Gkn di Campi Bisenzio.

I manifestanti, con bandiere, striscioni, tamburi e fumogeni, sono partiti da via Mariti, di fronte al cantiere teatro della strage del 16 febbraio scorso, e si sono diretti in via di Novoli, dove la manifestazione si doveva concludere con un presidio di fronte ai palazzi degli uffici della Regione Toscana. Alla fine un gruppo di manifestanti ha scavalcato la recinzione del palazzo della Regione accampandosi con le tende annunciando di restare ad oltranza. Altri manifestanti si sono accampati in solidarietĆ .

Oggetto dell’iniziativa di oggi ĆØ la proposta di legge regionale per la nascita di consorzi industriali, che secondo la Rsu potrebbe rappresentare una soluzione per lo stabilimento di Campi Bisenzio.

“Il Consiglio regionale – ha affermato Dario Salvetti (Rsu) – non ci ha ancora detto la cosa piĆ¹ semplice, se la discutono e quando la discutono questa legge, e se non la discutono perchĆ© non la discutono”.

Tanti giovani con pettorine violeĀ  hanno formato un cordone di sicurezza e contenimento laterale. Molti di loro venuti direttamente dalla tendata per la Palestina che prosegue davanti a rettorato in piazza San Marco. Annunciato per martedƬ prossimo un controsenato accademico.

AUDIO: Alessandra, studentessa dell’UniversitĆ  di Firenze che ci spiega le motivazioni della partecipazione alla manifestazione della Gkn.

Alla manifestazione partecipano anche i candidati a sindaco di Firenze Sara Funaro (centrosinistra), Cecilia Del Re (Firenze Democratica), Dmitrij Palagi (Sinistra Progetto Comune) e Lorenzo Masi (M5s), oltre al presidente del Consiglio comunale Luca Milani, e al consigliere per le crisi aziendali del presidente della Regione Toscana, Valerio Fabiani.

La mia speranza ĆØ che si riapra il tavolo con il governo e che venga riaperto con tutti i livelli istituzionali per dare risposte”, ha detto Funaro, rivendicando di aver partecipato anche a precedenti manifestazioni per la ex Gkn. “Mi sarebbe piaciuto – ha aggiunto – vedere anche il candidato della destra qui al fianco dei lavoratori, perchĆ© al fianco dei lavoratori dobbiamo esserci tutti. Anch’io avevo altri impegni, li ho disdetti per essere qui”. Del Re ha dichiarato il suo appoggio alla proposta di legge regionale elaborata dalla Rsu. “Noi sosteniamo questa richiesta – ha detto – ci pare il modo migliore per affrontare questo momento di grande difficoltĆ . Si tratterebbe di un’operazione che vuole immaginare una politica industriale diversa, basata sulla transizione ecologica, su un progetto collettivo”. Palagi ha osservato che “ci saremo aspettati in piazza anche la destra sovranista, perchĆ© si tratta di difendere posti di lavoro italiani, di fronte a chi fa speculazione finanzaria bisognerebbe sempre stare al fianco di chi lavora e col suo lavoro contribuisce alla crescita del territorio. Certo, chi sta nelle istituzioni con ruoli di governo doveva sostenere la proposta di legge del Collettivo di fabbrica”. Masi ha ricordato che “siamo stati fra i primi ad andare alla Gkn tre anni fa, con Alessandra Todde e Giuseppe Conte, avevamo prospettato un problema importantissimo e ancora oggi siamo a poco o nulla: il consorzio pubblico potrebbe essere un’ottima idea, sarebbe importante che la Regione Toscana desse ascolto a questa richiesta”.