Giorno della Memoria, testimonianza delle sorelle Tatiana e Andra Bucci

memoria

?Firenze, per mantenere vivo il ricorso e tramandarlo alle giovani generazioni, ogni anno la Regione Toscana organizza il Treno della Memoria, per studenti e insegnanti e partito quest’anno da Firenze con 550 giovani e educatori che si recano in visita ad Auschwitz.

Il Treno della memoria parla di storia e memoria del passato ma anche di testimonianze affinché ciò che è stato non debba più ripetersi per poter riconoscere le tracce dell’odio e dell’indifferenza già presenti nella realtà dell’oggi e contrastarle con il nostro impegno quotidiano.

Oggi nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, la testimonianza delle due sorelle sopravvissute, Tatiana e Andra Bucci, che rispettivamente all’età di 4 e 6 anni, vennero deportate ad Auschwitz.

Le sorelle Tatiana e Andra Bucci sono intervenute con le loro testimonianze per ricordare in quanti e quali modi il fascismo e il nazismo deportarono, uccisero, perseguitarono milioni di ebrei ma anche oppositori politici, omosessuali, disabili, rom, sinti e Testimoni di Geova.

Andra e Tatiana Bucci, cittadine onorarie di Firenze, sono due sorelle nate a Fiume da padre cattolico e madre ebrea, entrambi originari della Bielorussia e approdati in quella città per mettersi in salvo dai pogrom zaristi dei primi del Novecento. Nel marzo del 1944, Andra e Tatiana, rispettivamente all’età di 4 e 6 anni, vengono deportate ad Auschwitz insieme al cugino Sergio De Simone di 6 anni e alle loro mamme.

Giunte ad Auschwitz sono scambiate per gemelle e per questo motivo risparmiate alla camera a gas. Il cugino Sergio, invece, viene usato come cavia in esperimenti e poi assassinato nei sotterranei di una scuola di Amburgo nel Bullenhuser Damm, luogo dipendente dal Lager di Neuengamme.

Alla testimonianza hanno partecipato, oltre che il sindaco di Firenze Dario Nardella, anche gli studenti delle scuole fiorentine di ritorno dal viaggio studio Treno della Memoria.

Gimmy Tranquillo ha intervistato alcuni degli studenti:

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments