Lun 15 Apr 2024

HomeToscanaCronacaGeorgofili, Uffizi: una sala 'memoriale' per dipinti riportati in vita

Georgofili, Uffizi: una sala ‘memoriale’ per dipinti riportati in vita

Una ‘sala memoriale’ per ricordare la strage dei Georgofili nascerà agli Uffizi nell’area antistante la sala d’accesso al Corridoio Vasariano (la più danneggiata, nel museo, dalla deflagrazione dell’autobomba), in occasione della sua futura riapertura.

Conterrà i tre dipinti andati distrutti durante l’esplosione avvenuta nella notte tra il 26 e il 27 maggio 1993, poi recuperati grazie a certosini interventi di restauro. Si tratta dell’Adorazione dei Pastori di Gherardo delle Notti, del Concerto musicale di Bartolomeo Manfredi e dei Giocatori di carte, sempre del Manfredi.
Ad annunciare l’iniziativa, è stato oggi il direttore della Galleria Eike Schmidt. “Questo sarà il modo, permanente, con cui gli Uffizi ricorderanno a tutti i visitatori la tragedia criminale e senza senso di 25 anni fa. Di questi dipinti ricomposti e riportati in vita con un lavoro certosino, resteranno comunque visibili tutte le ferite, una testimonianza d’arte viva per ricordare il dolore inferto da quella drammatica aggressione. Ma la loro esposizione testimonierà anche che da un orrore del genere è possibile risorgere e guardare al futuro”.
L’opera di Gherardo Delle Notti, ha aggiunto il direttore, “è stata la prima ad essere restaurata dopo la strage, primo intervento degli Amici degli Uffizi che nacquero poco dopo la tragedia. I giocatori di carte del Manfredi invece è l’ultimo, completato proprio adesso grazie ad una splendida raccolta fondi”.
Entrambi saranno protagonisti di due mostre al via in questo fine settimana: L’adorazione nella Sala di San Pier Scheraggio, i Giocatori nell’auditorium: uno in ognuna delle due ali della galleria, a simbolo di unità”. Le opere saranno visitabili in questi spazi fino al 2 giugno, festa della Repubblica.

Rock Contest 2023 | La Finale

"Prenditi cura di me"