Sab 15 Giu 2024

HomeToscanaEconomiaFirenze rivoluziona i mercati in centro, 'solo prodotti italiani'

Firenze rivoluziona i mercati in centro, ‘solo prodotti italiani’

I mercati del centro storico a Firenze, entro il 2023, dovranno vendere solo prodotti made in Florence, Tuscany, Italy all’interno di banchi rinnovati e architettonici.

Sono le principali novità del nuovo regolamento del commercio su area pubblica (che sostituisce il precedente, datato 2008), presentato dal sindaco Dario Nardella (AUDIO) e dall’assessore Federico Gianassi per il rilancio del settore gravato dalla crisi Covid.

Dopo l’approvazione del regolamento in Consiglio spetterà poi al ‘piano delle aree’ il compito di definire le collocazioni dei banchi nei singoli mercati: il piano sarà adottato al termine delle procedure di rinnovo delle licenze che si concludono entro il 30 giugno 2021. Le postazioni in centro storico sono circa 500.

La norma sui prodotti dell’artigianato fiorentino, toscano e italiano entrerà in vigore, gradualmente, entro i prossimi tre anni: il cambio prevede l’esposizione del 30% dei prodotti locali e nazionali entro un anno, del 60% entro due anni e del 100% entro tre anni dall’entrata in vigore del regolamento. L’operatore può chiedere una deroga, presentando un allestimento innovativo e diverso ma dovrà passare dall’autorizzazione del Comune di Firenze.
Per quanto riguarda la riqualificazione dei banchi del centro storico Palazzo Vecchio nominerà entro sei mesi una commissione per realizzare un modello di banco architettonico coerente con lo stile della città: i nuovi banchi saranno realizzati entro due anni dall’adozione del piano.

Il regolamento ha una parte dedicata ai mercati al coperto di Sant’Ambrogio e San Lorenzo: vengono introdotte regole di tutela delle singole attività e delle merci vendute si banchi per evitare in futuro che venga cambiata l’offerta merceologica. Tra le altre novità anche l’aggiunta del 1 novembre tra le date di apertura di mercati straordinari. La riqualificazione dei mercati coperti avviene con la mappatura delle attività e vengono posti limiti alle variazioni nei mercati alimentari al fine di mantenere la loro vocazione storica.
“E’ una sfida, una vera rivoluzione – ha spiegato Nardella -. Credo che questo sia un modello che dovrebbero perseguire tutte le città italiane. E’ anche una bella occasione di rilancio per un settore che adesso è in grave difficoltà: puntiamo sul decoro e sulla qualità della merce esposta nei mercati turistici del centro oltre che su una nuova tipologia di banco che rispetti la fiorentinità”.

Gianassi ha osservato che “la crisi connessa al Covid ha reso fragile questo comparto che deve essere ripensato e regolato per assicurare una ripartenza solida e duratura”. Per aiutare il settore inoltre “ci impegniamo anche a prevedere misure di incentivazione fiscale per gli operatori che saranno interessati dagli obblighi del Comune di Firenze di riqualificazione delle merci e del banco”.

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)