Firenze, concorsi universitari truccati: chieste 12 misure interdittive

concorsi truccati

Sono 12, secondo quanto appreso, le misure interdittive chieste dal pm Tommaso Coletta nell’ambito dell’inchiesta sui concorsi universitari alla facoltà di medicina di Firenze.

Secondo quanto si apprende, i destinatari sarebbero tutti docenti universitari.
Complessivamente nell’inchiesta sui concorsi universitari truccati, risulterebbero indagate altre tre persone, per le quali al momento non sarebbero state chieste misure. Tra queste, due dirigenti del comparto sanità.

L’inchiesta, nata da un esposto di un otorinolaringoiatra, professore associato presso l’Università di Firenze, riguarderebbe sia concorsi per professore ordinario che per ricercatore. Gli indagati per i quali la procura ha chiesto la misura interdittiva saranno ascoltati i primi di febbraio dal gip Anna Liguori, che all’esito degli interrogatori dovrà decidere in merito alla richiesta della procura.

L’inchiesta giudiziaria su presunte turbative in concorsi, sia per professore ordinario sia per ricercatore, indetti dalla Facoltà di medicina dell’Università di Firenze, “non ci riguarda, è una cosa dell’Università”. Lo ha detto Stefania Saccardi, assessore alla salute della Regione Toscana, parlando con i giornalisti a margine della presentazione dei risultati del progetto ‘Serio’ all’Istituto degli Innocenti.

A chi le riferiva che il portavoce dell’opposizione in Consiglio regionale, Jacopo Alberti (Lega), ha chiesto che venga a chiarire in aula sulla vicenda, Saccardi ha risposto dicendo che “Alberti non ha capito che la cosa riguarda concorsi che fa l’Università, noi siamo un altro ente”, e dunque “lo chieda al rettore.”

avatar