Corte Conti: procura, riassetto aziende Regione Toscana non soddisfa

Toscana, Corte dei Conti

L’attuazione del piano della Regione Toscana per la razionalizzazione e l’eventuale dismissione delle sue partecipate “non appare soddisfacente”. Lo afferma Acheropita Mondera, procuratore regionale della Corte dei Conti della Toscana, nella sua requisitoria all’udienza per il giudizio di parificazione del Rendiconto generale 2019 della Regione Toscana.

Le perdite di pertinenza regionale delle società a partecipazione maggioritaria della Regione, al 31 dicembre 2018, sono pari a 7,2 milioni di euro, e superiori a quelle del 2017: secondo Mondera la loro origine è strutturale, e non congiunturale.
“In vari casi – sostiene – la misura di razionalizzazione prescritta non è stata realizzata e, anche quando le società, spesso con ritardo rispetto ai termini fissati, si siano adeguate alle prescrizioni del Piano, la misura di razionalizzazione è stata attuata in maniera non soddisfacente o parziale”. Peraltro, aggiunge il procuratore, “secondo questa procura traspare una incapacità del socio pubblico, anche nei casi di partecipazione di maggioranza, ad incidere sull’indirizzo dell’attività delle società partecipate, e ciò rende inefficace l’esercizio dei diritti societari regionali”.
La Sezione regionale di controllo della Corte dei conti per la Toscana ha emesso oggi la pronuncia di parificazione del Rendiconto generale della Regione relativo all’esercizio finanziario 2019, a eccezione del risultato di amministrazione, limitatamente alla mancata previsione del fondo perdite delle società partecipate. Nonostante i risultati economici negativi conseguiti negli ultimi bilanci dalle partecipate dalla Regione, l’importo di 13,8 milioni di euro pari alla perdita registrata, non si è tradotto, a rendiconto, in altrettanti fondi accantonati: in questo modo, secondo la Corte dei Conti, si è fatto figurare un incremento del risultato di amministrazione non regolare in quanto ottenuto con l’azzeramento di un fondo vincolato. La Regione, si legge, ha peraltro provveduto a ristanziarne l’intero importo nel bilancio di previsione degli esercizi 2020-22. L’esercizio 2019 registra entrate e spese di competenza pari rispettivamente a 11.589 mln e a 11.287 mln, chiudendosi con un risultato finanziario negativo per 177,93 mln, in miglioramento rispetto agli anni precedenti. Il disavanzo sostanziale, di 1.967,44 mln, ha raggiunto un livello pari al 20% delle entrate correnti.
“A inizio legislatura avevamo un rendiconto che aveva 3 miliardi di disavanzo e una cassa molto limitata, vicino allo zero: in questo rendiconto il disavanzo è sostanzialmente dimezzato”. Lo ha affermato Vittorio Bugli, assessore alla presidenza della Regione Toscana, intervenendo all’udienza per il giudizio di parificazione del Rendiconto generale 2019 della Regione da parte della Sezione regionale della Corte dei Conti. “E’ un lavoro che bisogna continuare a portare avanti con decisione – ha proseguito – ma il disavanzo è sostanzialmente dimezzato, e la cassa si aggira intorno al miliardo, quindi è un miglioramento importante di cui penso si possa dare atto in questi anni alla Regione”. Sulle partecipate, ha ammesso Bugli, “il lavoro è più difficile”, ma nel caso specifico di Fidi Toscana, sostiene l’assessore, l’aiuto dato alle Pmi “ha prodotto un peso finanziario per la struttura che ancora si tarda a sistemare, ma che sta andando sulla buona strada, per quelli che saranno i risultati del prossimo anno e di quello successivo”. Sulle terme, ha detto Bugli, “abbiamo sistemato sostanzialmente Casciana Terme e Chianciano Terme con la liquidazione delle società immobiliari che sta andando avanti nel suo percorso; continuiamo ad avere problemi su Montecatini Terme, che però in questa fase ha visto un rafforzamento di una proposta di piano più consistente, e che stiamo trattando anche con le banche per ciò che riguarda la gestione del debito pregresso”.
0 0 vote
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments