Corruzione: 8 arresti, anche sindaco Villafranca in Lunigiana

bambino

I carabinieri del comando provinciale di Massa Carrara stanno effettuando, dalle prime ore del mattino, una vasta operazione nelle province di Massa Carrara e Lucca.

Sono otto le persone arrestate nell’ambito dell’inchiesta per corruzione condotta dai carabinieri di Massa (Massa Carara) e coordinata dalla procura della città toscana. Tra loro anche il sindaco di Villafranca in Lunigiana Filippo Bellesi, destinatario come gli altri di una
misura di custodia cautelare agli arresti domiciliari disposta dal gip di Massa Marta Baldasseroni. Corruzione e traffico di influenze illecite i reati contestati a vario titolo.

Ai domiciliari sono finiti, come si spiega dai carabinieri, anche la responsabile del Centro affidi dei servizi sociali per il Comune di Massa Paola Giusti; Rosanna Vallelonga, responsabile della commissione multidisciplinare Asl distretto della Lunigiana nonché direttore della Società della salute della Lunigiana; Mauro Marcelli, all’epoca dei fatti contestati dipendente pubblico responsabile dell’ufficio Suap unificato per i Comuni della Lunigiana; Rosa Russo, all’epoca dei fatti giudice onorario presso il tribunale per i minori di Firenze; Marino Petracci, consigliere comunale di Montignoso; Alessio Zoppi, Enrico Benassi e Tamara Pucciarelli, indicati come gestori della cooperativa Serinper, società che gestisce strutture protette per l’accoglienza di minori e nuclei familiari disagiati. (fonte ANSA).

guest
2 Commenti
vecchi
nuovi i più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Fausto di matteo
Fausto di matteo
1 anno fa

Come al solito, il sindaco di dx di Villafranca in Lunigiana incominciava a dare fastidio. Come al solito, mi aspetto in futuro una ridda di notizie e pettegolezzi messi in giro ad arte, giusto per intorpidire ancora di più le acque. Poi 5/6 anni di caciara politica, quindi il nulla di fatto. Nel frattempo l’obiettivo politico è stato raggiunto, colpirlo e affondato.

Gigio55
Gigio55
1 anno fa

Forse ha ragione, ricorda purtroppo la vicenda di Bibbiano, dove la giunta è stata massacrata per cercare di infangare i vertici della regione e fare arrivare voti alla Borgonzoni alle elezioni regionali…