Coronavirus, fuori casa senza motivo: 43 denunciati a Prato, una coppia alle terme

spostamenti coronavirus, Montelupo

Sono ad oggi 43 le persone denunciate a Prato per non aver rispettato le prescrizioni del governo nella lotta alla diffusione del coronavirus. Mentre nel Senese, un uomo e una donna, sono stati denunciati perchè si trovavano alle terme di Petriolo, senza un valido motivo.

Il bilancio è stato reso noto dalla prefettura che ha raccolto i dati dei controlli effettuati finora dalle forze dell’ordine da quando è entrato in vigore il decreto. Controllate 457 persone. Di queste 37 non sono state in grado di giustificare la presenza lontano da casa; quattro invece sono state denunciate per aver dichiarato il falso nell’autocertificazione; altre due, infine, per altri reati connessi al non rispetto del decreto anti contagio coronavirus.

Tra le attività controllate un parrucchiere nel quartiere del Soccorso: gli agenti della questura hanno sorpreso all’interno il titolare e due clienti. Il proprietario del negozio è stato denunciato per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità.

Alle terme di Petriolo, nei pressi di Siena, invece di strare nella loro abitazione come previsto dai provvedimenti del Governo per contenere il coronavirus, un uomo di 40 anni e una donna di 47 sono stati denunciati dai carabinieri per aver violato le disposizioni. I due sono residenti a Piancastagnaio che dista circa 80 km da Petriolo, meta termale sulla strada per Grosseto. Ai carabinieri che li hanno controllati, non hanno saputo dare giustificazioni sulla loro presenza così lontano dal comune di residenza.

Andato fuori casa, poi si è ripreso più volte in video con il cellulare, in luoghi sempre diversi, e infine ha postato le immagini sui social irridendo alle direttive del decreto per il contrasto alla diffusione del coronavirus. E’ successo a Poggibonsi (Siena) dove un 26enne è stato rintracciato e denunciato dalla polizia.
Nel video, secondo quanto riferisce la polizia, diceva che, pur essendo consapevole del fatto che non poteva circolare senza giustificato motivo, aveva deciso di uscire contravvenendo alle norme stabilite in funzione anti-coronavirus.
Inoltre avrebbe anche detto, nello stesso video, di poter andare ovunque, dato che non secondo lui non ci sarebbero stati controlli da parte delle forze dell’ordine. A poche ore dalla pubblicazione i poliziotti lo hanno identificato e raggiunto nella sua abitazione facendo scattare la denuncia.
Sempre durante controlli, in un altro episodio, i poliziotti di Siena hanno fermato in piazza Jacopo della Quercia un uomo di origine tunisina di 50 anni proveniente dalla provincia di Firenze, il quale non ha saputo giustificare la sua presenza in città, dove stava vagando senza meta. Così è stato denunciato e fatto rientrare a casa in treno.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments