Sab 2 Mar 2024

HomeToscanaCronacaCoronavirus: da Montelupo a Firenze per comprare sigarette, denunciati

Coronavirus: da Montelupo a Firenze per comprare sigarette, denunciati

Da Montelupo fino al centro di Firenze per comprare un pacchetto di sigarette. Questa la giustificazione data ieri da due fratelli di 21 e 31 anni ai poliziotti, che li hanno fermati nell’ambito dei controlli sul rispetto del decreto governativo varato per far fronte all’emergenza coronavirus.

I due, fermati a circa 20 chilometri dalla loro abitazione di Montelupo, hanno detto di essere usciti per andare dal tabaccaio: per loro è scattata una denuncia per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità.

Sempre nell’ambito degli stessi controlli, ieri a Firenze sono stati denunciati due uomini, che stavano accompagnando un amico a versare un assegno in banca. Tra le denunce scattate, anche quella nei confronti di un giovane che, fermato nei pressi della stazione ferroviaria di Santa Maria Novella, ha detto di essere uscito per andare a trovare la fidanzata, motivo che non giustifica la presenza all’esterno dell’abitazione.

Si ricorda che per uscire di casa serve una motivazione che deve essere giustificata a autodichiarata con il nuovo modulo di autodichiarazione. 

In totale, sono 76, su 4.856 controllate, le persone denunciate ieri in provincia di Firenze nell’ambito delle verifiche sull’osservanza del decreto governativo varato per fronteggiare l’emergenza coronavirus. A tutte è contestato il reato di inosservanza dei provvedimenti dell’autorità. A tre sono stati contestati anche i reati di false attestazioni a pubblico ufficiale e false dichiarazioni sulla propria identità.

Sono 942, invece,  gli esercizi commerciali controllati, i titolari di due dei quali sono stati denunciati per aver tenuto aperto senza autorizzazione. Complessivamente, dal 12 marzo scorso nel Fiorentino sono state sottoposte a controllo 14.478 persone di cui 420 quelle denunciate.

 

Rock Contest 2023 | La Finale

"Prenditi cura di me"

UNA VITA TRA DUE RIVOLUZIONI.