Carceri: detenuto a San Gimignano incendia cella

detenuto

Un detenuto nel reparto di media sicurezza del carcere di Ranza a San Gimignano (Siena) ha incendiato ieri la propria cella con lo scopo di creare disordini all’interno del reparto.

E’ quanto denunciano le organizzazioni sindacali di polizia penitenziaria (Cgil-Fp, Cisl-Fns, Cnpp, Sappe e Sinappe) spiegando, in una nota, che “il fumo acre in pochi secondi ha invaso l’intera sezione tanto che ne è stata necessaria l’evacuazione presso i passeggi e solo grazie al tempestivo intervento degli agenti in servizio con gli idranti e gli estintori si è evitato il peggio; per tale motivo un agente ha dovuto ricorrere alle cure mediche del pronto soccorso”.

“Nello stesso momento nell’altra sezione sempre della media sicurezza 2 detenuti sono venuti alle mani tanto da generare una rissa ed anche lì pronto l’intervento degli agenti addetti che hanno evitato che la situazione degenerasse”, proseguono le sigle sindacali evidenziando “negli ultimi giorni ci sono stati ripetuti oltraggi e aggressioni nei confronti del personale con sputi e minacce verso la divisa”.

I sindacati parlano di “situazione incandescente dovuta anche alla mancanza di un dirigente e di un comandante di reparto in pianta stabile” e denunciano “il sovraffollamento del carcere e l’invio costante di detenuti problematici e psichiatrici allontanati per ordine e sicurezza da altri istituti da parte del provveditorato regionale che evidentemente considera l’istituto di Ranza come una discarica”. Le organizzazioni sindacali si riservano di organizzare a settembre proteste “in quanto stanchi della presa in giro di un amministrazione penitenziaria sorda”.

avatar