Gio 22 Feb 2024

HomeToscanaLavoroBilancio prima fase del Piano integrato occupazione (Pio)

Bilancio prima fase del Piano integrato occupazione (Pio)

?Terminata la prima fase del Piano integrato toscano per l’occupazione (Pio), con cui la Regione Toscana nel 2018 ha messo a disposizione un sostegno al reddito di circa 22 milioni di euro per un mix di politiche passive ed attive e adesso si prepara alla seconda fase, il cui avvio è ormai imminente, con altri 7 milioni da utilizzare.

Le adesioni alla prima fase del Pio sono state 6.696, di cui 5.813 (circa l’85 per cento) presentate da disoccupati di lunga durata.

Tre le misure attuate: un’indennità di partecipazione di 500 euro mensili per sei mesi, che è il modello con cui la Toscana ha anticipato di fatto il reddito di cittadinanza, percorsi di assistenza alla ricollocazione e incentivi all’assunzione per le imprese.

Il Piano ha anche rappresentato una sorta di stress-test rispetto al reddito di cittadinanza, in erogazione dal maggio 2019, permettendo di sperimentare metodi e modelli positivi per l’attivazione che potranno essere riproposti proprio a favore dei percettori del reddito di cittadinanza.

La seconda fase del Pio prevede una dotazione di risorse pari a 7 milioni di euro, con cui la Toscana i trenta milioni di residui di ammortizzatori che aveva a disposizione.

Non è prevista per questa seconda fase del Piano l’erogazione dell’indennità di partecipazione, essendo entrato a regime il reddito di cittadinanza. Il piano consente al disoccupato, dietro sua adesione volontaria e dopo la presa in carico, la profilazione e la sottoscrizione del patto di servizio con un centro per l’impiego, nonché di partecipare a un percorso di “assistenza intensiva alla ricollocazione” presso una agenzia per il lavoro accreditata a sua scelta.

Il percorso dura sei mesi e prevede l’applicazione, nei confronti del soggetto accreditato, delle stesse regole già previste per la prima fase del Pio: riconoscimento a rimborso di un massimo di dieci ore di accompagnamento al lavoro e remunerazione a risultato in base alla capacità di trovare un lavoro ai partecipanti, fino a un massimo di 5 mila euro.

A partire da domani, giovedì 7 novembre, le agenzie accreditate potranno aderire all’avviso pubblicato sul Burt, il bollettino della Regione Toscana. A partire dal 21 novembre, invece, potranno aderire i disoccupati interessati.

Gimmy Tranquillo ha chiesto all’assessore a lavoro, formazione ed istruzione della Regione Toscana, Cristina Grieco, di tracciare un bilancio di questa prima fase:

Rock Contest 2023 | La Finale

"Prenditi cura di me"

UNA VITA TRA DUE RIVOLUZIONI.