Biffoni: bis eccezionale quello di Veronesi allo Strega

Veronesi

Lo scrittore pratese Sandro Veronesi ha vinto, con 200 voti, il suo secondo Premio Strega con ‘Il colibrì’ (La neve di Teseo) dato subito per superfavorito e sempre in testa durante lo spoglio.

Tra i messaggi di congratulazioni non poteva mancare quello del sindaco di Prato Matteo Biffoni che in una nota ha sottolineano il successo dello scrittore pratese: “Un bis eccezionale quello dello scrittore pratese Sandro Veronesi che la scorsa notte ha vinto per la seconda volta il Premio Strega con il suo ultimo romanzo ‘Il Colibrì’ edito da La nave di Teseo. Prima di lui, soltanto Paolo Volponi aveva ottenuto per due volte il prestigioso premio letterario. I nostri complimenti, anche a nome di tutta la città, a Sandro Veronesi. È stato particolarmente emozionante, in uno scenario stravolto dalle restrizioni post Covid, apprendere in diretta di quel che ci eravamo limitati a sperare”.

Anche l’assessore alla Cultura di Prato, Simone Mangani si è unito al sindaco: “Il successo del 2006 di ‘Caos Calmo’ viene oggi ribadito da ‘Il Colibrì’, vincitore del LXXIV Premio Strega 2020. E Sandro Veronesi sarà a Prato il prossimo mercoledì 15 luglio alle 21.15 per presentare il suo romanzo, intervistato da Stefano Coppini per Libri d’Italia”. Un incontro organizzato dall’assessorato alla Cultura del Comune e dalla Provincia di Prato in collaborazione con Kiwanis Club.

“Un appuntamento per conoscere Il Colibrì ma anche un’occasione di festa”, annunciano Biffoni e Mangani. L’evento di mercoledì 15 luglio alle 21:15 è previsto al Museo del Tessuto, è a ingresso libero con prenotazione obbligatoria su Eventbrite.

La vittoria di Veronesi ‘costringe’ a tiratura notturna del libro: “Ogni libro stampato è un’emozione, ma la telefonata nella notte di un editore che ordina una tiratura ulteriore di copie è un brivido”. Fabio Franceschi, presidente di Grafica Veneta Spa, commenta così la finale del Premio Strega 2020 che ha visto la vittoria di Sandro Veronesi con “Il colibrì” edito da La Nave di Teseo.

“Nonostante le tante edizioni, quest’anno la settantaquattresima, la reazione è sempre la stessa – spiega Franceschi – cosi in orario notturno si procede a pieno ritmo con le rotative per consegnare il mattino successivo l’opera con copertina e fascetta aggiornata”.

Tutto lo staff dello stabilimento è in attesa della notizia – continua Franceschi – e insieme si partecipa alla realizzazione di un progetto vincente: arrivare nelle librerie in tempo e dare la possibilità ai lettori di trovare il prodotto “fresco di stampa”.

“Le congratulazioni al team di Elisabetta Sgarbi sono d’obbligo – conclude Franceschi – ma con l’occasione sottolineo l’impegno di tutte le case editrici che con l’emergenza sanitaria hanno registrato ancora più difficoltà in un momento di crisi cronica del settore. Tutte le azioni promosse dal più piccolo segnale di reazione fino alla consegna a domicilio di volumi ordinati online sono state strategiche per la diffusione della cultura e informazione, obiettivo comune che vedrà sempre la nostra azienda a fianco di chi lavora ogni giorno in questa direzione”.

0 0 vote
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments