Bezzini, accelerazione vaccinazioni sugli over80

sanitari
Bezzini, accelerazione vaccinazioni sugli over80
/

Firenze, un’accelerazione decisiva alla campagna di vaccinazione, a partire dagli over80 è quello che prevede lo sviluppo del piano vaccinale della Toscana, illustrato, nella sede della Giunta regionale dal presidente Eugenio Giani e dall’assessore alla sanità Simone Bezzini, decisi a dare una spinta ulteriore alla somministrazione delle dosi, nuove forniture permettendo.

Secondo Giani e Bezzini, la strategia toscana, articolata in filoni vaccinali simultanei, punterebbe ad accelerare sulla copertura vaccinale degli anziani più a rischio e delle persone particolarmente fragili, attenendosi a due principali criteri di priorità: età e patologia.

“Noi contiamo di arrivare alla prima somministrazione per gli over 80 intorno al 25 aprile e a chiudere con i richiami nella prima metà di maggio. Questo dovrebbe consentire di anticipare di qualche settimana la chiusura della campagna di vaccinazione per gli over 80 che avevamo ipotizzato inizialmente, sulla base anche delle stime di fornitura, per i primi di giugno”. Ha detto l’assessore al diritto alla salute, Simone Bezzini, facendo il punto sulla vaccinazione degli over 80 in Toscana.

“Questo è il primo elemento su cui ci impegniamo – ha aggiunto Bezzini – noi come Regione, le aziende sanitarie, i medici di medicina generale, per una grande accelerazione per la vaccinazione degli over 80” che in Toscana sono 320mila. “Questa grande accelerazione – ha detto sempre Bezzini – la faremo a partire dalla prossima settimana: metteremo a disposizione della medicina generale che sta seguendo questo target di popolazione 50 mila vaccini la prossima settimana, e 70 mila vaccini la settimana successiva quella di Pasqua. Quindi il primo elemento di accelerazione si concretizzerà con circa 120 mila somministrazioni che avverranno nelle prossime due settimane”.

Per quanto riguarda la disponibilità delle dosi di vaccino da somministrare, Bezzini ha detto: “Nel fine settimana dovrebbero arrivare nuove dosi di Moderna e quindi sulla base delle pre-registrazioni, che credo siano intorno alle 50mila degli estremamente vulnerabili e dei disabili, dovremmo mettere in distribuzione tra lunedì e martedì circa 15-20 mila dosi di Moderna, aprendo il portale per le prenotazioni per questa fascia”.

Queste vaccinazioni si aggiungeranno, ha aggiunto, “a circa 9.000 dosi già somministrate agli estremamente vulnerabili dalle aziende sanitarie”. Per quanto riguarda Astrazeneca, ha concluso, “noi siamo pronti a confermare gli appuntamenti già presi per la giornata di domani, a recuperare gli appuntamenti che abbiamo dovuto disdire e a proseguire anche per i target di popolazione che fanno riferimento al vaccino Astrazeneca salvo indicazioni diverse da parte delle autorità”.

“Se arriva la decisione positiva su Astrazeneca, senza vincoli, noi confermeremo con un messaggio gli appuntamenti già fissati e ai 18mila a cui abbiamo disdetto l’appuntamento” in questi giorni di stop “manderemo un messaggino per dire che hanno 24 ore di tempo per riprenotare”.

“Se rispetto a questa platea ci fosse una difficoltà a collocare la dosi – ha spiegato Bezzini – allargheremo ad altre fasce di età. Se, per esempio, quando riapriamo le agende mettiamo a disposizione 30mila dosi e il tiraggio è 20mila bisogna allargare ai nati nel 1945-46 fino al 1951, perché il piano vaccinale nazionale prevede fino ai 70 anni”.

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments