Bekaert: operai scrivono a Mattarella e Draghi

Bekaert

Una lettera al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella e al presidente del Consiglio Mario Draghi, per far ripartire il percorso per la reindustrializzazione della Bekaert di Figline Incisa Valdarno (Firenze), penalizzato dalla crisi di governo.

A scriverla il gruppo dei 100 lavoratori della Bekaert e i delegati Fim-Cisl che insieme alla Cisl Firenze-Prato l’hanno inviata ai vertici delle istituzioni italiane. La nostra storia, ricordano gli operai, è “quella di una multinazionale belga che compra nel 2016 un’azienda italiana, la Pirelli, ne prende il know out, ne prende il mercato e nel giugno del 2018 annuncia la chiusura dell’intero stabilimento e il licenziamento dei 318 lavoratori. Così è stata determinata la fine di un’altra importante realtà industriale italiana”. Da allora, continua la lettera “dal presidio in fabbrica sono passati ministri, senatori, onorevoli e sindaci; tutti ci hanno rassicurato e stimolato nel lottare: ‘Una soluzione verrà trovata’”, quando però “l’obiettivo pareva essere vicino”, perché “il Mise aveva preannunciato un appuntamento nel mese di gennaio 2021 per incontrare dei nuovi soggetti in grado di concretizzare una soluzione industriale” “un’improvvisa crisi di Governo ha fatto saltare quell’incontro”. “Ora – concludono i lavoratori – non abbiamo più notizie, mentre la multinazionale belga Bekaert non è più disposta a continuare la trattativa per una possibile reindustrializzazione e si rifiuta ad oggi di concedere ulteriori settimane di cassa integrazione”.
”L’esperienza della Bekaert non deve finire con i licenziamenti. La battaglia dei dipendenti dello stabilimento di Figline ha fatto il giro del mondo per la loro determinazione, l’orgoglio di lavoratori, la ricerca continua di soluzioni insieme a sindacati e istituzioni. Negare la cassa integrazione e andare ai licenziamenti é un’azione a dir poco inspiegabile, a cui l’azienda deve ripensare per garantire ancora un reddito a persone che tanto hanno dato e soprattutto consentire le soluzioni ancora aperte”. Così Simona Bonafé, segretaria del Pd toscano, dopo la decisione di Bekaert di procedere coi licenziamenti, senza prorogare la cassa integrazione per i lavoratori di Figline.
0 0 vote
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments