Lun 17 Giu 2024

HomeToscanaCovid-19Astrazeneca, Giani: “stanno arrivando disdette, riutilizzeremo le dosi"

Astrazeneca, Giani: “stanno arrivando disdette, riutilizzeremo le dosi”

©Controradio
Podcast
Astrazeneca, Giani: “stanno arrivando disdette, riutilizzeremo le dosi"
Loading
/

“Siamo tranquilli, andiamo avanti in massima trasparenza. Nessun allarmismo” dice il presidente della Regione, Eugenio Giani. Che sul caso ‘furbetti’ accusa: “si portino le prove, noi corretti”

“E’ evidente che il contesto mediatico sta portando alle disdette di prenotazione, le dosi rifiutate verranno rimesse all’interno del circuito, quindi nel momento in cui finiranno le dosi prenotate  sul portale della Regione dedicato alle vaccinazioni  si riapriranno le prenotazioni per usare quelle rifiutate da  chi oggi non se l’è sentita” lo ha dichiarato il presidente della Giunta regionale  toscana, Eugenio Giani, sulla vicenda del vaccino Astrazeneca, sospeso in diversi paesi europei per il sospetto di gravi complicanze, e, sia pur limitatamente ad un lotto specifico, anche in Italia.

“Siamo tranquilli perché le disdette non sono tantissime -continua Giani-  e contemporaneamente ritengo che stiamo facendo tutto con la massima cautela”. Il presidente ricorda come la toscana è arrivata a “400 mila dosi somministrate e non abbiamo ricevuto segnalazioni di particolare gravità, anche per quanto riguarda Astrazeneca” “Addirittura -sottolinea Giani-  a livello di senso comune mi dicono che questo vaccino crea qualche linea di febbre la sera, come gli altri, ma  ha una grande capacità di immunizzazione. Per cui  se non ci sono altri fatti noi continuiamo”

Giani assicura che viene fatto un monitoraggio costante, e che non ci sarà nessuna sospensione delle vaccinazioni con Astrazeneca. Anzi, il governatore precisa che è già avviata la somministrazione delle “nuove 40 mila dosi consegnate ieri”.

“Noi andiamo avanti negli hub previsti anche perché sul mio slogan è vaccini vaccini vaccini, presto bene: siamo tra le regioni con le migliori   performance in Italia e intendiamo andare avanti, nonostante il caso Astrazeneca”

Giani è intervenuto anche sulle polemiche innescate dal servizio dlele Iene sui presunti ‘furbetti’ del vaccino, poi rilanciata in una conferenza stampa dal capogruppo di Fratelli d’Italia Francesco Torselli. “Noi facciamo tutto in modo trasparente. E chi dive il contrario lo dimostri” dice Giani. Che attacca: “quando si fanno  affermazioni di tale gravità, devono seguire poi  fatti, dimostrazioni che ancora non ci sono. io dico solo che  quando stiamo facendo uno sforzo straordinario chi si dedica a trovare la polemica secondo me deve farsi  anche una bella lettura nella propria coscienza   hiedersi se quello che fa va nell’interesse della collettività”.

“Noi avremo sempre meno vaccinazioni per categorie e sempre più per  fasce d’età:  si va per anni di nascita io mi vaccinerò ad esempio quando arriverà il 1959, oggi vengono chiamate dal sistema centralizzato le persone nate tra il  1941 e il 1944, chi cerca di iscriversi e non è in questa fascia d’età viene rifiutato automaticamente, e questo è garanzia di trasparenza”.

1 commento

  1. Credo che il vaccino Astrazeneca vada studiato meglio, per evitare effetti avversi, anche se sono pochi, così come ci dicono. Ma come ci si può fidare se prima è stato tutto negato e poi si è affermato che una correlazione con gli effetti trombotici c’è? Io non lo farei e non lo farei fare neanche ad un membro della mia famiglia anche over 60, molti dei quali prendono farmaci per la coagulazione del sangue. Chi muore sono persone. Persone che si sono fidate della scienza e di quello che dico i virologici, che ogni giorno in TV cambiano idea.
    Come ora ha cambiato idea il Governo.

I commenti sono chiusi.

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)