Ambiente: Ecosistema Urbano 2019, Firenze 24° fra le città più green

ecosistema urbano 2019

Sul Sole 24 Ore di oggi è presente la classifica di Ecosistema Urbano 2019 sulle performance ambientali dei capoluoghi di provincia giudicati per qualità dell’aria, rete idrica, mobilità, ambiente e rifiuti. Firenze si trova al 24° posto, seconda solo a Bologna fra le grandi città.

Trento, Mantova, Bolzano, Pordenone e Parma sono le 5 città in testa alla classifica di Ecosistema Urbano 2019, la ricerca di Legambiente, Ambiente Italia e Il Sole 24 Ore sulle performance ambientali dei capoluoghi di provincia pubblicata sul Sole 24 Ore. Un tema particolarmente importante in questo momento storico, con il governo Conte-bis che ha messo il “Green new deal” tra le proprie priorità e le nuove generazioni – chi in piazza durante i Fridays for future e chi iscrivendosi a facoltà come Agraria o Ingegneria ambientale –  che dimostrano di essere molto sensibili al tema. Mantova, regina nel 2018, cede lo scettro a Trento che sale per la 1° volta al vertice della classifica sulle città più ‘green’ d’Italia grazie al miglioramento nella qualità dell’aria, nell’utilizzo di trasporti pubblici e nell’attenzione alla mobilità ciclabile.

Il punteggio nella classifica finale, in centesimi, viene assegnato sulla base dei risultati qualitativi ottenuti nei 18 indicatori considerati da Ecosistema urbano e che coprono cinque aree tematiche: aria, acqua, rifiuti, mobilità, ambiente urbano. I punteggi assegnati per ciascun indicatore identificano il tasso di sostenibilità della città reale rispetto a una città ideale (non troppo utopica visto che esiste almeno una città che raggiunge il massimo dei
punti assegnabili per ognuno dei 18 indici considerati). Nel computo complessivo va considerata poi l’assegnazione di un “bonus” per le città che si contraddistinguono in quattro ambiti: recupero e gestione acque, ciclo dei rifiuti, efficienza di gestione del trasporto pubblico, modal share. Il bonus è pari a un terzo del peso complessivo degli indicatori che si riferiscono all’ambito prescelto.

La città di Firenze si piazza nella prima metà di classifica, recuperando ben 27 posizioni che le consentono di posizionarsi al 24° posto: fra le grandi città capoluogo di provincia è seconda, subito dietro a Bologna (13° posto nella classifica totale). Il maggiore ricorso ai mezzi pubblici, obiettivo fortemente voluto dall’amministrazione fiorentina in questi anni che si è sviluppato con il progetto della tramvia, ha contribuito a ridurre il traffico e i possibili incidenti stradali, ma anche a migliorare la qualità dell’aria. Nel capoluogo toscano, per esempio, il “parking scambiatore” di Villa Costanza consente ai turisti di lasciare l’auto sull’autostrada e arrivare in città con il tram.

Per quanto riguarda i singoli indicatori utilizzati per stilare la calssifica di Ecosistema Urbano 2019, emerge che Lucca è prima per quanto riguarda le isole pedonali: ben 6,82 metriquadrati per ogni abitante; Firenze è quinta con 1,14 metriquadrati. In merito al numero di alberi ogni 100 abitanti, Arezzo si piazza ad un passo dal podio, quarta, con ben 40 alberi per 100 cittadini. Livorno si scopre, invece, avere una capacità di depurazione delle acque del 100%. Firenze si trova al quinto posto per il tasso di motorizzazione: 52 mezzi ogni 100 abitanti; Livorno settima con 55. Dati negativi si hanno a Massa, prima per la concentrazione di PM10 nell’aria e quinta per quella di biossido d’azoto.

La classifica generale di Ecosistema Urbano 2019 per quanto riguarda le città toscane: Firenze (24°); Pisa (37°); Lucca (38°); Siena (48°); Arezzo (49°); Prato (64°); Livorno (69°); Grosseto (74°); Pistoia (83°); Massa (96°).

avatar