Dom 21 Lug 2024

HomeToscanaSanità🎧 Non autosufficienza, dalla Regione pronti 180 milioni di euro in tre...

🎧 Non autosufficienza, dalla Regione pronti 180 milioni di euro in tre anni

Logo Controradio
www.controradio.it
🎧 Non autosufficienza, dalla Regione pronti 180 milioni di euro in tre anni
Loading
/

L’obiettivo è accompagnare e sostenere il percorso di persone anziane e con disabilitĂ  e i percorsi di vita indipendente. Per questo la Regione Toscana stanzierĂ  180 milioni in tre anni sulla base del nuovo Piano regionale per la non autosufficienza 2022-2024. Questo strumento di programmazione indica gli interventi e i servizi che verranno realizzati nel triennio. Questo secondo i bisogni espressi dalle persone e dalle comunitĂ  e in un’ottica di integrazione fra il sistema sociale e quello sanitario.

Il piano per la non autosufficienza, che risponde ai criterio indicati dal piano nazionale, verrĂ  attuato con un forte coinvolgimento delle 28 zone distretto. Tra le novitĂ  previste anche l’assunzione di 63 figure di assistenti sociali da impiegare nei servizi di presa in carico della persona. “Il piano rappresenta uno strumento concreto e capillare per la presa in cura delle persone piĂą fragili – sottolinea il presidente della regione Toscana Eugenio Giani -. “E’ uno strumento – aggiunge – che integra gli aspetti sociali e quelli sanitari per garantire risposte piĂą complete e che coinvolge tutti i territori, per essere il piĂą possibile vicino ai destinatari”.

“Sono tre – evidenzia l’assessora regionale alle politiche sociali Serena Spinelli – i capisaldi del piano. Migliorare la qualitĂ , quantitĂ  e appropriatezza delle risposte assistenziali a favore delle persone non autosufficienti, con disabilitĂ  e anziane. Promuovere un sistema fondato sulla prevenzione della non autosufficienza e della fragilitĂ . Favorire percorsi che realizzino la vita indipendente e la domiciliaritĂ , la piena inclusione sociale e lo sviluppo delle autonomie. La volontĂ  di fondo – prosegue – è quella di rafforzare gli strumenti a disposizione dei territori per garantire percorsi efficaci, chiari, certi”.

“Accompagnare e sostenere le persone anziane e non autosufficienti nelle proprie comunitĂ  – commenta il direttore di Anci Toscana Simone Gheri – è una prioritĂ  anche per i Comuni, che svolgono un ruolo fondamentale in questo percorso. E grazie alla collaborazione con la Regione, vogliamo portare sempre piĂą capillaritĂ  nelle nostre politiche di welfare”.

Gli interventi del Piano per la non autosufficienza si basano sul perseguimento dei cosiddetti Leps. Sono i Livelli essenziali delle prestazioni sociali, previsti, per la prima volta, dal piano nazionale. I Leps sono definibili come l’insieme di azioni tali da garantire ai cittadini, specie a quelli più fragili, qualità di vita, pari opportunità e riduzione delle condizioni di svantaggio e vulnerabilità. In molti casi questi interventi sono già esistenti e radicati e con il nuovo piano saranno confermati. Basti pensare, per esempio, a tutta l’attività di assistenza domiciliare sociale o integrata con i servizi sanitari.

In alcuni casi, invece il piano prevede un rafforzamento. E’ il caso dei cosiddetti interventi sociali “di sollievo”, cioè a quei servizi di sostegno rivolti alla persona anziana nel momento in cui presenta, per la prima volta, una situazione di fragilitĂ .  E’ il servizio Pronto badante, attivo in Toscana dal 2016 e che  prevede la presenza di un operatore autorizzato che garantisce un adeguato punto di riferimento. Offre informazioni sui percorsi attivabile e garantisce un primo sostegno economico per l’attivazione di un rapporto di assistenza familiare.

Con il nuovo piano questo servizio viene rafforzato e collegato capillarmente alla rete delle zone distretto per consentire una risposta più rapida e vicina. A sostegno dei percorsi attivati tramite la presenza di un assistente familiare/badante è prevista la messa a disposizione di strumenti qualificati per favorire l’incontro tra la domanda e l’offerta. Questo in collaborazione con l’Agenzia Regionale Toscana per l’Impiego, che garantisce l’esercizio della funzione regionale in materia di mercato del lavoro tramite la gestione dei Centri per l’Impiego.

Altro servizio che viene sostenuto con forza nel nuovo piano è quello delle cosiddette azioni di adattamento domestico.  Nel piano si parte dalla constatazione di quanto l’adattamento degli spazi, della domotica e dell’assistenza a distanza possano dare risposte fondamentali per l’ autonomia alla persona non autosufficiente.  L’intervento per adattare l’abitazione entra formalmente all’interno delle possibili risposte che i servizi possono proporre alla persona.

Il piano per la non autosufficienza prevede un capitolo ad hoc per l’assunzione di assistenti sociali. Individuando tale ipotesi come necessaria per raggiungere gli obiettivi previsti. Il personale assunto permetterà di garantire la fase della presa in carico della persona e la valutazione multidimensionale dei bisogni, sotto il profilo clinico, funzionale e sociale. Ad ogni ambito saranno garantite le risorse per l’assunzione a tempo indeterminato di almeno due assistenti sociali. In tutto saranno 63 figure.

Circa 2,2 milioni di euro. E’ quanto prevede il piano per i progetti di Vita indipendente,  in favore di persone con disabilitĂ . Confermato anche per il prossimo triennio il progetto “In Aut”,  Indipendenza e Autonomia. E’ nato con l’obiettivo di sostenere progetti integrati e personalizzati, che consentano alle persone con disabilitĂ , prioritariamente di giovane etĂ , di condurre una vita autonoma. Nell’ultimo triennio quasi mille persone hanno beneficiato di questo bando, di cui oltre l’80% tra i 18 e i 44 anni.

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)