Sab 20 Lug 2024

HomeToscanaCronaca🎧Nuovo maxi sequestro e nuove perquisizioni per presunto riciclaggio in ristoranti di...

🎧Nuovo maxi sequestro e nuove perquisizioni per presunto riciclaggio in ristoranti di Firenze.

Logo Controradio
www.controradio.it
🎧Nuovo maxi sequestro e nuove perquisizioni per presunto riciclaggio in ristoranti di Firenze.
Loading
/

Nuovo maxi sequestro e nuove perquisizioni per presunto riciclaggio in ristoranti di Firenze. Dopo le perquisizioni del maggio scorso a 23 noti ristoranti della cittĂ  disposte dalla procura antimafia di Firenze, stamani la Guardia di Finanza ha eseguito un altro decreto di sequestro. Al centro sempre un sodalizio italo albanese accusato di associazione a delinquere.

Audio: Servizio di Viola Giacalone

Eseguito stamani dalla Guardia di finanza fiorentina un decreto di sequestro preventivo di beni, tra cui due Ferrari, per due milioni di euro nell’ambito dell’inchiesta della Dda del capoluogo toscano su una presunta associazione a delinquere costituita da albanesi e italiani, finalizzata all’appropriazione indebita aggravata e all’autoriciclaggio, dedita all’acquisizione di ristoranti a Firenze. Indagine che lo scorso maggio aveva portato a 23 perquisizioni. Contestualmente al sequestro odierno effettuate altre perquisizioni, disposte dal pm, nei confronti di ulteriori 14 attivitĂ  economiche riconducibili agli indagati, i quali, abusando del loro ruolo di amministratori e soci, avrebbero “cagionato un ingente danno patrimoniale alle loro stesse societĂ ”. L’esecuzione del decreto di sequestro, spiega una nota della Procura, ha interessato le province di Firenze, Napoli e Modena. Oggetto oltre alle due Ferrari, denaro contante per un ammontare di 476.200,00 euro, collane, bracciali d’oro, preziosi e quote di societĂ  di due srl con sede a Firenze, proprietarie del ramo di azienda di un ristorante e di un bar-gelateria-caffetteria. 

Un lavoro  di indagine che viene dal 2022 e che presumibilmente riserverà ulteriori sviluppi. Secondo l’accusa l’organizzazione avrebbe acquistato o affittato locali del centro storico in parte con i soldi provenienti dalla gestione in nero. Per questo la Procura guidata da Filippo Spiezia, con il procuratore aggiunto Luca Tescaroli e la pm Christine von Borries, ha contestato l’associazione per delinquere finalizzata all’appropriazione indebita, l’autoriciclaggio e l’impiego di denaro di provenienza illecita. Decine le perquisizioni effettuate anche in Albania. Nell’indagine è impegnata la Procura speciale contro la corruzione e la criminalità organizzata di Tirana e grazie al coordinamento di Eurojust, l’agenzia dell’Unione europea per la cooperazione giudiziaria, è stata anche costituita una squadra investigativa comune.

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)