Lun 27 Mag 2024

HomeToscanaCronaca🎧Morte Mattia Giani: 'prima ambulanza arrivata 17 minuti dopo'

🎧Morte Mattia Giani: ‘prima ambulanza arrivata 17 minuti dopo’

Morte Mattia Giani:  la prima ambulanza allo stadio di Campi giunse 17 minuti dopo dal momento in cui scattarono i soccorsi al calciatore Mattia Giani. Lo ricostruisce il giudice sportivo della Figc – Lega Dilettanti toscana, in base al referto dell’arbitro della partita Lanciotto-Castelfiorentino sospesa il 14 aprile per il malore al giocatore poi morto in ospedale.

Il giudice scrive che i soccorsi nella circostanza furono dati “dal massaggiatore ospite e da un medico presente in tribuna che intervenivano con massaggio cardiaco e il defibrillatore presente negli spogliatoi”, e che “sopraggiungeva dopo 17 minuti una prima ambulanza che proseguiva le manovre di soccorso coadiuvata da altri volontari giunti dopo pochi minuti con altra ambulanza”, quindi “i sanitari si prodigavano nei tentativi di rianimazione per poi provvedere all’urgente accompagnamento del calciatore al pronto soccorso più vicino”. Per il giudice è giustificata la sospensione della gara – fermata al 14′ del primo tempo – anche a causa dello scoramento e dell’inevitabile turbamento di giocatori e dirigenti, e ha stabilito che ne venga recuperata “la restante parte” da giocare. Multato il Lanciotto di 400 euro “per mancanza di ambulanza e/o medico”, “sanzione commisurata al servizio omesso, tenuto conto del fatto occorso”.

Il giudice sportivo scrive anche che “il grave evento” del malore in campo di Mattia Giani “aveva provocato uno scoramento generale di tutti i tesserati delle due squadre (manifestato con congiunta dichiarazione scritta) e dello stesso direttore di gara e che pertanto non vi erano state più le condizioni per continuare l’incontro che veniva sospeso sul risultato del momento di 0-0”. Ciò premesso, osserva il giudice, rende indubitabile “che lo stesso svolgersi degli accadimenti, così come puntualmente riportati conclusisi successivamente tragicamente, integri quella situazione di carattere eccezionale che giustifica la mancata prosecuzione della gara” e che “deve essere apprezzata con riferimento al fatto che avvenimenti di questa portata, provocano nell’ambito di una piccola realtà, qual è quella di squadre dilettanti in cui la contiguità tra i dirigenti responsabili e calciatori è chiaramente peculiare, inevitabilmente un turbamento per cui, di fronte alla particolare e tragica natura dell’evento che è stato all’origine del fatto è opportuno valutare lo stesso sul piano strettamente umano, aspetto caratterizzante tutti i rapporti classificabili nell’ambito dei principi della lealtà sportiva”. “Giova sottolineare – sottolinea – come il rispetto del grave evento anche da parte della società Lanciotto Campi Bisenzio e dei componenti la terna arbitrale sia sintomo di grande osservanza dei valori della solidarietà e della correttezza sportiva”.

Interviste a Stefano Scaramelli  – Il vicepresidente del Consiglio regionale che nel 2015 ha tenuto a battesimo la legge regionale in materia di defibrillatori negli impianti sportivi.
e Danilo Mariniello –  Infermiere Referente Public Health e Campagne di Promozione della Salute Croce Rossa Italiana – Comitato di Firenze.

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)