Lun 27 Mag 2024

HomeToscanaCronaca🎧In 8 anni persi 60 mila volontari, Cesvot: "scopriamo come cambiare per...

🎧In 8 anni persi 60 mila volontari, Cesvot: “scopriamo come cambiare per rinnovare il terzo settore.”

In 8 anni persi 60 mila volontari, Cesvot: “scopriamo come cambiare per rinnovare il terzo settore: “Leggere e interpretare il cambiamento del terzo settore: questo il tema del convegno organizzato da Cesvot e Regione Toscana che si è tenuto oggi presso l’Auditorium dell’Innovation Center di Fondazione CR Firenze. I volontari sono sempre meno in Toscana come in Italia, cosa è successo e quali prospettive per il volontariato? Cosa deve cambiare?

 

Audio: Luigi Paccosi, presidente Cesvot

“Quello che proponiamo oggi è un confronto molto necessario anche per Cesvot, che dovrà essere in grado di stare accanto al terzo settore anche in questa epoca di grandi cambiamenti. Gli ets hanno bisogno di rigenerare i loro principi ispiratori e quelli organizzativi; di rinnovare senso e motivazioni del loro agire per essere compresi
dai cittadini e dai potenziali nuovi volontari; di poter esercitare una collaborazione paritaria e virtuosa con l’ente pubblico, soprattutto nei nuovi percorsi previsti dall’amministrazione condivisa. Queste, e molte altre, le sfide che ci aspettano. È tempo che tutti insieme inneschiamo processi di trasformazione in difesa del terzo settore e dei volontari toscani”, spiega Luigi Paccosi, presidente Cesvot.

Dalle ultime rilevazioni effettuate dalla banca dati Cesvot è emerso che il numero complessivo degli ets è passato da 11.355 del 31/12/2022 a 11.556 al 31/12/2023, con un incremento percentuale pari a 1,77%. Nella nuova compagine del terzo settore toscano le Organizzazioni di volontariato (Odv) passano da 3.402 a 3.175 con una diminuzione percentuale di -6,67. Aumentano invece le Associazioni di promozione sociale (Aps) che passano da 5.537 a 5.728 con un incremento di 3,45%. A queste due tipologie si aggiungono 927 imprese sociali, 21 enti filantropici, 408 altri ets, 1.294 onlus e 3 società di mutuo soccorso. Dai dati emerge con chiarezza come la riduzione del numero di volontari sia un processo che comincia a verificarsi ben prima del Covid-19. Dal 2014 al
2022 in Toscana si stimano circa 60mila volontari in meno impegnati nel volontariato organizzato che equivale a una riduzione del 18%. (dati Istat, Indagine Multiscopo sulle Famiglie).

Il terzo settore è sempre più arena di soggetti organizzati che assicura un ruolo importante nel realizzare welfare e politiche pubbliche erogando servizi. Questo aspetto ha conseguenze nella rappresentazione degli enti di terzo settore più come “produttori” di beni e servizi che promotori di relazioni e reti sociali. Altro aspetto legato a
questa trasformazione è la crescente richiesta di professionalizzazione dei volontari che genera un forte processo di selezione in entrata, che può agire da disincentivo alla partecipazione.

Le vecchie classi dirigenti si stanno esaurendo, non solo sul piano anagrafico e demografico, ma anche rispetto alle rappresentazioni di cui si fanno portatrici; il processo di invecchiamento genera estesi timori rispetto alla tenuta organizzativa. Non c’è solo il tema del “ricambio generazionale”, ma più in generale, del “ricambio” in sé. Il rischio che si collega all’eccessiva aziendalizzazione è nella perdita di contatto con la comunità e nella riduzione della capacità di advocacy.

La passione per il volontariato rimane ma emergono nuovi bisogni a cui dare risposte per un cambiamento possibile. Fondamentale è pensare a nuove vie di sviluppo che riescano a sorpassare le insidie di una eccessiva burocratizzazione e aziendalizzazione che corre il rischio di prosciugare lo spirito partecipativo e il legame col territorio. Per questo è fondamentale ripartire dall’identità organizzativa delle associazioni anche per sostenere
un dialogo paritario con gli enti pubblici. Altro tema imprescindibile è nelle modalità di coinvolgimento e nei nuovi spazi di partecipazione per i volontari potenziali. Una modifica del “core business” organizzativo delle organizzazioni è utile anche per rinsaldare il potere di advocacy, la capacità di farsi carico dei problemi dei cittadini dando loro voce. Nuove modalità di espressione del volontariato stanno nell’animazione territoriale e nella costruzione di comunità accrescendo la capacità di tradurre nei territori la capacità di mobilitazione e ascolto sociale.

 

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)