Mer 24 Lug 2024

HomeCultura & Spettacolo🎧 La democrazia del corpo a Cango, quando la danza 'è politica'

🎧 La democrazia del corpo a Cango, quando la danza ‘è politica’

Logo Controradio
www.controradio.it
🎧 La democrazia del corpo a Cango, quando la danza 'è politica'
Loading
/

Quattro mesi di danza all’insegna de La Democrazia del corpo  che vedrà dal 10 febbraio al 10 maggio 12 ospitalità e 2 residenze artistiche presentando i lavori e le ricerche di artisti nazionali e internazionali tra i più interessanti della scena performativa contemporanea. Il fare della politica il titolo di questa prima parte del progetto di Virgilio Sieni a cura del Centro di Rilevante Interesse per la Danza e che si realizza grazie al sostegno di Ministero della Cultura, Fondazione CR Firenze, Comune di Firenze, Regione Toscana.

 

La prima parte de La Democrazia del corpo 2024 – la seconda si svilupperà in autunno – accoglie nell’arco di 4 mesi, dal 10 febbraio al 10 maggio, 12 ospitalità e 2 residenze artistiche presentando i lavori e le ricerche di artisti nazionali e internazionali tra i più interessanti della scena performativa contemporanea: mk, Soukaina Abrour/Fallon Mayanja, Virgilio Sieni, Claudia Castellucci, Dewey Dell, Cristina Kristal Rizzo, Tempo Reale, Simona Bertozzi, Stefania Tansini, Ayelen Parolin, Jérôme Bel, Alessandro Certini/Katie Duck/Virgilio Sieni/Charlotte Zerbey, Marta Olivieri, Irene Russolillo. 

La Democrazia del corpo 2024

IL FARE DELLA POLITICA di Virgilio Sieni 

Cosa può ancora il corpo nel momento in cui la danza prende il sopravvento, diviene storia dell’uomo e punto d’insorgenza del fare, del creare. 

Questa prima parte della Democrazia del corpo – febbraio>maggio 2024 – è dunque dedicata alla memoria quale politica dell’abitare, alle forme di origine del corpo che rimbalzano nel passato per divenire possibilità nel presente.

Il passo che diviene sequenza, la sequenza che scaturisce dal suo misurarsi col respiro, la coreografia che esige di esistere perché possibile. Così solo quando le cose hanno fatto il loro tempo diventano interessanti, rivelano la loro profondità.

Stare nel corpo con i passi, stare col corpo nelle misure del respiro e del pensiero, meditare la memoria della coreografia e l’inatteso dello spazio, in questo la danza è la soglia tra ciò che sembrava compiuto e l’incompiuto e viceversa, assimilando e raccogliendo i frammenti del pensiero e della storia.

Gli artisti presenti enunciano ciascuno delle danze emblematiche che cerco di raccogliere, giocando, in proverbi tratti dai loro intendimenti e poetiche, note e pensieri. Una sorta di raccolta di detti che costituiscono la ricetta olistica e politica della Democrazia del corpo:

– Un corpo si muove sempre nel nuovo spazio (MK)

– Mundus patet, lo spazio aperto ha i confini confusi tra il passato e il presente (Soukaina Abrour)

– Toccare le cose senza toccarle è un processo in corso per la costruzione dell’uomo (Virgilio Sieni)

– Cambiare posto, andare in altri spazi ci fa conoscere il giorno e la notte (Claudia Castellucci)

– Gli dei creano riti e guardano all’inatteso (Dewey Dell)

– Nell’impossibilità della sosta i nuovi progetti sono sempre quelli del passato (Cristina Kristal Rizzo)

РGiocare ̬ nascere (Tempo Reale)

РPer il corpo ̬ possibile moltiplicarsi (Simona Bertozzi)

– Nelle forme del dolore gli altri sono le lacrime (Stefania Tansini)

– La danza è l’idiota che sostiene l’altro (Ayelen Parolin)

– Una vita di danza è come una comunità nomade (Jérôme Bel)

– Lo spazio del respiro elimina i confini (Alessandro Certini, Katie Duck, Virgilio Sieni, Charlotte Zerbey)

РIl gesto ̬ come due canti che avvengono allo stesso momento (Marta Olivieri)

РIl corpo che vive ̬ sempre straniero a se stesso (Irene Russolillo)

CALENDARIO

  • sabato 10 febbraio ore 19.00 __ domenica 11 febbraio ore 17.00

MK

SFERA

 

  • sabato 17 febbraio ore 19.00 | Black History Month Florence IX edizione

THE RECOVERY PLAN / E IL CLAMORE È DIVENUTO VOCE VOL. III

SOUKAINA ABROUR (ITA)

MRA7BA (MRHBA)*

FALLON MAYANJA (FRA)

TECHNO POETICS

 

  • domenica 25 febbraio ore 20.00* (*in occasione di Testo, in collaborazione con Pitti Immagine)
  • lunedì 26 febbraio ore 20.00 __ martedì 27 ore 20.00 __ mercoledì 28 febbraio ore 20.00

VIRGILIO SIENI

ASCOLTAMI

 

  • sabato 2 marzo ore 19.00 __ domenica 3 marzo ore 17.00

CLAUDIA CASTELLUCCI / COMPAGNIA MÃ’RA

LA NUOVA ABITUDINE

 

  • sabato 9 marzo ore 19.00 __ domenica 10 marzo ore 17.00

DEWEY DELL

I’LL DO, I’LL DO, I’LL DO

 

  • sabato 16 marzo ore 19.00 __ domenica 17 marzo ore 17.00

CRISTINA KRISTAL RIZZO

MONUMENTUM DA _ primo studio

 

  • domenica 24 marzo dalle ore 17.00 alle ore 21.00

TEMPO REALE

FOOSBALL

 

  • sabato 6 aprile ore 19.00 __ domenica 7 aprile ore 17.00

SIMONA BERTOZZI

SUITE ZERO

 

  • sabato 13 aprile ore 19.00 __ domenica 14 aprile ore 17.00

STEFANIA TANSINI

L’OMBELICO DEI LIMBI

 

  • venerdì 19 aprile ore 20.00 __ sabato 20 aprile ore 19.00

AYELEN PAROLIN

SIMPLE

 

  • venerdì 3 maggio ore 20.00 __ sabato 4 maggio ore 19.00

JÉRÔME BEL 

JÉRÔME BEL

 

  • venerdì 10 maggio ore 20.00

ALESSANDRO CERTINI / KATIE DUCK / VIRGILIO SIENI / CHARLOTTE ZERBEY

TYRANNY OF THE PRESENT 

 

___RESIDENZE

 

10>14 gennaio 2024

Marta Olivieri: TRESPASS_TALES OF THE UNEXPECTED

 

15>20 gennaio 2024

Irene Russolillo: FÀTICO

Info www.virgiliosieni.it

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)