Tag: Stefano Casciu

Galileo Telescopio

🎧 Firenze, al Museo Galileo in esposizione il telescopio gregoriano di Philippe-Claude Le Ba (1663)

Il telescopio, appartenuto all'antiquario milanese Michele Subert, è stato acquistato per 4.800 euro dal ministero della Cultura e affidato al Museo Galileo in comodato d'uso gratuito dall'ente proprietario statale, la Direzione regionale musei della...
1 maggio san marco

1 maggio: riapertura dei 30 siti polo museale Toscana

Da 3/5 visibile nuova sala Beato Angelico di San Marco. Da domani, 1 maggio, la riapertura dei luoghi della cultura della direzione regionale dei musei della Toscana Tra l'1 e il 4 maggio riapriranno 30 tra musei, pinacoteche, aree archeologiche, ...
monetiere

Firenze, museo archeologico presenta il riallestimento del Monetiere

Monetiere da 60.000 pezzi torna a brillare a Firenze. Il nuovo allestimento contiene pezzi pregiati e rari. E' stato possibile grazie al sostegno finanziario di 'Friends of Florence'. Al Museo archeologico di Firenze è stato presentato stamani il ri...
Carabinieri recuperano opere d'arte

Biblioteca Calci: riconsegnati 3 volumi storici rubati

Sono stati riconsegnati stamani nel corso di una cerimonia presso la Biblioteca della Certosa di Calci (Pisa), i tre volumi dell'opera "Bellezze della commedia di Dante Alighieri" di Antonio Cesari, risalenti al 1824, recuperati dal Nucleo di tutela ...
ventaglio

Riapre al pubblico l’area del Parco di Villa il Ventaglio (Fi)

Dopo quattro anni tornano fruibili quattro dei cinque ettari  del polmone verde progettato da Giuseppe Poggi col contributo di Fondazione CR Firenze. Riapre al pubblico tutta l’area del Parco di Villa il Ventaglio a Firenze (cinque ettari) grazie al...
parco

Firenze: al via il recupero dell’intera area del parco di Villa Il Ventaglio

Al via, da stamani, l'intervento di risanamento dell'intera area del parco di Villa Il Ventaglio a Firenze, finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze con uno dei progetti Art Bonus dedicati al Polo museale della Toscana: la conclusion...