Rom: da Regione Toscana 500 mila euro per superamento campi

Campo Rom

Un bando della Regione per l’assegnazione agli enti pubblici di 1 milione e 800 mila euro per progetti di inclusione sociale e per il superamento dei campi rom. Il bando è stato approvato dalla giunta nel corso della sua ultima seduta, con una delibera presentata dall’assessore al sociale Stefania Saccardi.

Il bando è rivolto a Comuni, Unioni di Comuni, Società della Salute, Conferenze dei sindaci, Aziende sanitarie, Asp (Aziende pubbliche di servizio alla persona), altri enti pubblici. Un milione e 300mila euro euro sono destinati a progetti sperimentali e innovativi in materia di percorsi assistenziali, di accoglienza e per l’inclusione sociale di nuclei familiari, anziani, disabili e minori. Cinquecentomila euro sono invece per il superamento dei campi rom. Realizzazione, ristrutturazione, riqualificazione e/o adeguamento funzionale di immobili e/o parti di immobili; acquisto e messa in opera di impianti e attrezzature idonee a favorire l’accessibilità e la frubiiltà degli edifici e degli spazi; acquisto di beni durevoli, sono la tipologia degli interventi finanziabili per i percorsi assistenziali.

Quanto al sostegno nel completamento urgente del processo di superamento dei campi e/o insediamenti abitati da cittadini di etnia rom e sinti, gli interventi riguardano realizzazione, ristrutturazione, riqualificazione e/o adeguamento funzionale, di immobili e/o parti di immobili; realizzazione di interventi inerenti la bonifica ambientale dei luoghi interessati, le reti e i relativi sottoservizi, l’assetto e la viabilità delle aree coinvolte; acquisto e messa in opera di impianti e attrezzature idonee a favorire l’accessibilità e la fruibilità degli edifici e degli spazi; acquisto di beni durevoli; realizzazione di altre opere e interventi. Sia per gli uni che per gli altri interventi, il contributo regionale prevede la compartecipazione obbligatoria, da parte dei soggetti richiedenti, per almeno il 50% del costo complessivo di ogni progetto. Gli interventi dovranno essere realizzati e conclusi entro il 31 dicembre 2019.

avatar