L’epifania amara di una generazione, in una piazza ‘estetica’

Quello che ho visto, quello che ho sentito, quello che posso testimoniare, dietro e oltre il racconto ‘ufficiale’ e sterotipante, di una piazza molto complessa. e per certi versi ‘sorprendente’.NE PARLEREMO stamattina  IN ONDA SU A PARTIRE DALLE 10 E 30. Potete intervenire con messaggi al 336 62 60 155. O telefonicamente allo 055 73 999 33

 
In ‘piazza’ ieri sera c’era sì qualche ‘vecchio arnese’ dell’antagonismo di destra e di sinistra, ma soprattutto c’era una moltitudine di giovani e giovanissimi (ho visto 15/16) che hanno dato vita ad una specie di rave della contestazione, molto anarchico, in cui il mulinare di gruppi diversi e differenti tra loto convergeva verso repentini fronteggiamenti con la polizia. Inutile e scorretto rappresentare quello che è sceso in piazza con le categorie consuete. Siamo in una fase differente, in cui sia la mobilitazione che la dinamica ‘di piazza’ avvengono secondo modalità nuove, in cui le nuove tecnologie sociali giocano un ruolo fondamentale, nello scambio di informazione, nell’appello alla partecipazione, nella creazione stessa dell’estetica ribellista. Un tumulto, più che un corteo. In cui la dimensione ‘estetica’ ha certamente prevalso su quella etica. proprio perché è attraverso l’estetica che si esprime questa generazione, molto più che le precedenti. Poteva andare molto peggio, e in alcuni momenti si sono create le condizioni per una battaglia veramente cruenta. C’è la rabbia ma anche l’auto rappresentazione di una generazione che non abbiamo visto crescere. E per la quale il covid, i ‘dpcm’ sono stati solo la miccia che ha fatto esplodere il disagio, che proviene della mancanza di prospettive, di precariato materiale ed esistenziale, di mancanza di riferimenti credibili e dalla rabbia nei confronti di uno Stato che sentono estraneo e lontano. Tutto il resto (quello che leggete ed ascoltate), credetemi, è frutto dell’esigenza di etichettare attraverso le categorie consuete, un mondo totalmente nuovo e diverso. Per ora assolutamente amorfo, politicamente non rappresentabile, certamente non nelle categorie consuete.
 
DOMENICO GUARINO
 
 
5 1 vote
Article Rating
guest
2 Commenti
vecchi
nuovi i più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Sandro Fusi
Sandro Fusi
1 anno fa

Hai nostalgia delle lotte del ’77? Lì c’era molta estetica! Tu dici: “mancanza di prospettive, di precariato materiale ed esistenziale, di mancanza di riferimenti credibili”: le solite frasi fatte , sia perché siamo tutti e tutte in queste condizioni ( e non solo i beoti ventenni ), sia perché a qualunque generazione, nel momento in cui diventa adulta, si richiede un equilibrio fra la giusta recriminazione e la responsabilità sociale: quest’ultima ieri è mancata completamente ( e non solo ieri ) . In questo calderone degenerato ci stanno bene tutti: Casa Pound, negazionisti, Forza Nuova…

Mario Rossi
Mario Rossi
1 anno fa

si, mettiamo al centro dell’attenzione le nuove generazioni, visto che non gli togliamo solo l’aperitivo, ma li stiamo indebitando per i prossimi cento anni per imbalsamare l’industria e il commercio a forza di sussidi.
Fermiamo l’avanzata della mediocre Firenze bottegaia, di cui fanno ormai parte anche alcuni “rivoluzionari” di qualche decennio fa (quale nemesi, come dice la canzone, volevano scalare la montagna ma si sono fermati al primo ristorante). Nel nuovo millennio non si campa facendo schiacciatine o affittando la stanza della nonna. E le radio non tirano avanti solo strizzando l’occhio al PD.