Forteto: dimesso direttore generale cooperativa

“Commissariamento subito: sul Forteto è necessario, e ormai indifferibile, un taglio netto tra cooperativa e comunità-setta. Anche per questo invito la maggioranza di governo, Lega e M5S, a calendarizzare quanto prima alla Camera l’istituzione della commissione parlamentare d’inchiesta sulla comunità mugellana degli orrori”. Lo afferma il vice capogruppo di FI alla Camera Stefano Mugnai.

La decisione sarebbe dovuta a divergenze con la dirigenza e alla impossibilità di portare avanti il mandato ricevuto per un cambiamento con la separazione della cooperativa dalla comunità.

Il direttore generale della cooperativa il Forteto, di Vicchio in Mugello (Firenze), Marco Fenili si è dimesso. E’ quanto si apprende da fonti vicine a Il Forteto.
E’ stato lo stesso Fenili a comunicare alla cooperativa la propria decisione. Il direttore generale avrebbe terminato il proprio incarico alla fine dell’anno.

La cooperativa agricola ha continuato a portare avanti le proprie attività economiche anche dopo i processi che hanno visto la condanna del fondatore del Forteto Rodolfo Fiesoli e di parte dei suoi collaboratori più stretti. La cooperativa era nata negli anni ’70 insieme alla comunità di persone che sperimentava forme nuove di convivenza comune e sfociate poi nell’accoglienza di minori disagiati affidati dai tribunali dei minorenni.

“E’ sempre più evidente – afferma il parlamentare azzurro Mugnai – la necessità di scindere il futuro dell’azienda da quello della comunità-setta. Il criterio di una testa/un voto che si applica ai processi decisionali di una cooperativa mal si concilia con la natura del Forteto.”

“Se, come è stato chiarito anche nelle sentenze, quella è una setta – prosegue – allora significa che li c’è una testa che decide per tutte le altre”.

“E se Fiesoli si faceva chiamare Il Profeta – sottolinea Mugnai – un motivo ci sarà… Per tutto questo è necessario un taglio netto tra azienda e setta: è necessario il commissariamento. Ed è necessario – conclude – che la maggioranza (Lega e M5S) calendarizzino quanto prima l’istituzione della commissione d’inchiesta parlamentare alla Camera”.

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments