Cascina, “parata SS”, Ceccardi: “polemiche strumentali”

Il 27 aprile nelle vie della cittadina pisana sfileranno 150 veicoli d’epoca per la manifestazione: “1944, quando passò il Fronte”, ci saranno anche i soldati tedeschi della Panzer Division, fatto che ha scaturito le polemiche di Leu e Pd.

“La colonna della libertà con i mezzi storici della seconda guerra mondiale passa da San Miniato, Pontedera, Cascina, Pisa, Viareggio, Pietrasanta e La Spezia. Ma chiaramente la polemica è solo a Cascina perché qui c’è il sindaco della Lega”.

Lo afferma su facebook il sindaco di Cascina (Pisa) Susanna Ceccardi, in merito alle polemiche sulla rievocazione storica prevista per domani da parte di Leu e Pd. “I sagaci amici della sinistra”, aggiunge Ceccardi, “contestano soprattutto la ricostruzione storica del comando dell’esercito tedesco all’ex Pretura di Cascina. Allora, perché non andate a contestare la presenza dei figuranti tedeschi nei film di guerra, nelle rappresentazioni teatrali, nei musei?”.
La parata, sottolinea ancora il sindaco su facebook, prevede anche che “la colonna della libertà con mezzi americani passerà nel centro cittadino liberando la città alle 14.30, ricordando così i giorni della liberazione. Cosa c’è di male in tutto questo?”. Critico anche il parlamentare leghista Edoardo Ziello: “Nessuno ha mai parlato di una parata militare”, dice su facebook  “Si tratta di una semplice rievocazione storica, accompagnata dalla presenza di personalità autorevoli e di comprovata fede antifascista come il professor Ciavattone e il sindaco Susanna Ceccardi”.
Per il deputato del Carroccio Manfredi Potenti, “si è sollevato un inspiegabile ‘putiferio mediatico’ per il mero episodio dell’organizzazione da parte del Comune di Cascina di una manifestazione, consistente nel passaggio della Colonna della libertà con figuranti in divisa, siamo all’assurdo”.
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments