A Villa Bardini gli scatti di Luca Berti tra Scandinavia e Paesi Baltici

La mostra fotografica del fiorentino Luca Berti, dal titolo “Norden. Uomo e Natura tra Scandinavia e Paesi Baltici”, sarà a Villa Bardini, dal 19 gennaio al 19 febbraio. Oggi, alle ore 17, visita alla mostra assieme all’autore.

Si apre con una mostra dedicata agli scatti di un giovane fiorentino in Scandinavia e Paesi Baltici, Luca Berti, la nuova stagione espositiva di Villa Bardini, promossa e organizzata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze  in collaborazione con la Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron. Sono esposte 60 immagini ripartite fra le varie nazioni visitate dall’artista (Danimarca, Estonia, Finlandia, Lettonia, Norvegia, Svezia), le cui rappresentanze diplomatiche hanno dato il loro patrocinio al progetto espositivo. È curata da Emanuele Barletti e il  catalogo è edito da Polistampa.

Berti, ha eletto da quasi 10 anni, al centro della sua attività di fotografo, l’Europa del nord da dove ha iniziato a sviluppare un singolare e straordinario intreccio di esperienze visive che lo hanno portato a coprire lunghe distanze all’interno dei Paesi scandinavi e di quelli baltici. Dai suoi viaggi ha tratto un’ampia documentazione antropologica e ambientale di realtà soprattutto rurali. Numerose le mostre personali, svoltesi in varie località di questa vasta area geografica, dove l’artista si è fatto conoscere e apprezzare ben oltre ogni aspettativa, ma non ha mai esposto nel nostro Paese e nella sua città.

Questa esposizione è la prima in Italia ed è un motivo quindi di grande interesse e soddisfazione anche perchè apre una ‘finestra’ su una parte di mondo che, ancorché relativamente vicina, appare assai poco nota alle nostre latitudini. L’autore, con la lucida nitidezza di un bianco e nero formalmente classico ma vissuto psicologicamente con un approccio fortemente emotivo e partecipato, ci accompagna negli spazi di un Europa che sembra fuori del tempo. Essa, infatti, nella lettura del fotografo, è come sospesa tra atmosfere e sentimenti che credevamo perduti e che si ricompongo in un rapporto tra uomo e natura molto forte e al limite di una condizione esistenziale che si direbbe appartenere ad altre epoche.

“Questo evento – sottolinea  il Presidente della Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron Jacopo Speranza – si inserisce in un percorso ormai consolidato in virtù del quale Villa Bardini  ha potuto ospitare nel tempo personalità di grande caratura nazionale ed internazionale, a conferma di come l’arte della fotografia, nell’era digitale in cui tutti, generalmente muniti di una compact tascabile, possono sentirsi ‘fotografi’, resta comunque una disciplina difficile e complessa. È anche motivo di grande soddisfazione che Luca Berti possa tenere la sua prima esposizione italiana nella sua città natale e ci fa anche piacere rendere partecipe il pubblico di orizzonti nordici che conosciamo poco, attraverso gli occhi di un fiorentino che li ha vissuti e li vive abitualmente, trasmettendoci valori di armonia e bellezza che ci sentiamo di condividere con lui’’.

 

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments