MOSCHEA FIRENZE: GRUPPO PESSINA INTERESSATO AD EX GONZAGA

MoscheaIl Gruppo Pessina è interessato alla ex caserma Gonzaga di Firenze che era stata individuata come possibile sede della moschea di Firenze. A dirlo, sentito dal Corriere Fiorentino, è l’ad del gruppo Guido Stefanelli.

L’ipotesi di destinare la ex caserma a luogo di culto, prospettata dal sindaco di Firenze Dario Nardella, ha riscosso nei giorni scorso la bocciatura di Matteo Renzi, sotto la cui segreteria – ricorda sempre il quotidiano – il gruppo guidato da Massimo Pessina era diventato il principale socio dell’Unità.

La moschea nell’ex Gonzaga? “Speriamo di no. Lo dico per voi fiorentini”. Sono le parole pubblicate su Il Corriere Fiorentino di Guido Stefanelli, l’ad di Pessina Costruzioni. Azienda presieduta da quel Massimo Pessina che dal 30 giugno 2015 riporta in edicola  “L’Unità”, di cui diviene l’editore con la ‘Piesse’, insieme appunto a  Guido Stefanelli, che controlla l’80% di Unita Srl.Ma che c’entra la Pessina Costruzioni con la moschea e con la bocciatura di renzi all’ipotesi ex Gonzaga?

Il Gruppo nel 2015 partecipò alla manifestazione di interesse per l’ex caserma con una propria ipotesi progettuale che certo non prevedeva il luogo di culto ma un intervento di social housing. La nuova Gonzaga prevedeva infatti oltre 50 mila metri quadri di case a prezzi popolari, negozi ed uffici. L’operazione del recupero dei ruderi per realizzare questi immobili doveva essere in capo ai privati che attraverso la vendita o l’affitto finanziavano l’operazione.

Come cambierebbe dunque la valutazione commerciale degli stessi con una moschea accanto?

Resta poi la questione tecnica, come definita dallo stesso Renzi, della destinazione dell’area. La moschea non essendo prevista nei piani dell’atto di concessione metterebbe a rischio il trasferimento della proprietà dal demanio al Comune, facendo di fatto perdere tutti i soggetti della partita politica ed economica. Una partita che a tre giorni dalle primarie sa più di campionato nazionale che di questione da area metropolitana.

avatar