In Australia holding editoriale fa accordo con Google e Facebook

giornale Australia

La più grande news media company d’Australia ha stipulato un accordo con Google e Facebook per l’utilizzo dei suoi contenuti ed è una notizia importante per il settore del giornalismo globale.

In Australia, il gruppo editoriale Seven West Media ha stipulato un accordo commerciale con Google. L’azienda statunitense ha avviato una partnership e pagherà direttamente i contenuti giornalistici prodotti da Seven West Media. Questo è avvenuto alla vigilia della discussione nel Parlamento Australiano della tanto discussa legge che obbligherebbe i giganti digitali a pagare per le notizie prodotte da terzi e diffuse sulle loro piattaforme.

Seven West Media è un’azienda quotata in borsa, possiede 21 pubblicazioni diverse e produce contenuti televisivi, cartacei e digitali. Kerry Stokes, l’amministratore delegato dell’azienda, ha ringraziato il Parlamento australiano per l’accordo. Infatti la partnership a lungo termine tra Seven West media e Google è stata propiziata dal Governo australiano che ha moderato un incontro tra i dirigenti del settore dei media, il CEO di Facebook Mark Zuckerberg e Sundar Pichai, amministratore delegato di Alphabet, la holding che controlla Google.

Stokes ha riconosciuto i meriti del Governo e del garante della competizione per la stipulazione della legge che verrà discussa il prossimo martedì al Parlamento australiano. Il capo di Seven West Media ha dichiarato: “Il protocollo di contrattazione stabilito dal Governo ci ha consentito di negoziare con Google e Facebook degli accordi economici equi e garantire il sostentamento dell’informazione digitale”.

Per Google, l’accordo fa parte di News Showcase, il modello che l’azienda sta implementando con le pubblicazioni di tutto il mondo a partire dallo scorso ottobre per assicurarsi la presenza dei contenuti giornalistici sulla propria piattaforma. La stessa Google ha annunciato che anche altri siti di news in Australia beneficeranno dell’accordo.

Le cifre del contratto non sono state rivelate ma fonti vicine alle parti hanno fatto trapelare che superino i 30 milioni di dollari australiani (23 milioni di dollari USA) all’anno. Seven West Media ha dichiarato che rilascerà maggiori informazioni dopo l’ufficializzazione dei dettagli prevista tra trenta giorni.

Le conseguenze di questo accordo non sono soltanto confinate all’Australia. Google e Facebook sono preoccupate del precedente che questo modello comporterà negli accordi con gli altri Paesi. In Europa sono già state presentate delle iniziative per limitare l’abuso di potere da parte delle piattaforme digitali e un grosso tema da discutere resta l’uso dei contenuti giornalistici prodotti da terzi. Per adesso solo in Francia è stato stipulato un accordo tra Google e una pubblicazione locale ma anche gli altri Paesi si stanno mobilitando per far rispettare alle piattaforme digitali le stesse norme degli editori.

0 0 votes
Article Rating
guest
1 Comment
vecchi
nuovi i più votati
Inline Feedbacks
View all comments