Case ”fantasma” in Medio Oriente: truffato anche Ulivieri

Anche l’allenatore di calcio Renzo Ulivieri compare fra i nomi dei 66 truffati dall’organizzazione che prometteva la costruzione e la vendita di appartamenti e villette in località turistiche del Medio Oriente, vicenda per cui l’11 settembre 2018 inizierà un processo a Firenze contro otto imputati accusati di associazione a delinquere finalizzata alla truffa.

Le case per le vacanze non furono mai costruite e gli otto indagati dell’inchiesta sono stati adesso rinviati a giudizio dal gup di Firenze Anna Liguori. Dalle indagini della guardia di finanza risulta che, come accaduto a danno di altre persone ingannate, Renzo Ulivieri nel 2010 fu convinto a stipulare l’acquisto di tre case-fantasma sul Mar Rosso, due a Marsa Alam, nel complesso da edificare ”Las Cabanas”, e uno a Marsa Matrouh, nel complesso in costruzione ”Almaza Bay”.

Gli imputati avrebbero ottenuto da Ulivieri un ingiusto profitto di circa 130.000 euro, soldi interamente versati per progetti mai decollati. “Un danno patrimoniale di rilevante gravità”, sottolineava la procura di Firenze nella sua richiesta di rinvio a giudizio.

Secondo le indagini, l’organizzazione era capeggiata e promossa da Roberto Melchiorri, 52 anni, originario di Torino ma abitante in Svizzera, il quale insieme a un altro imputato, Tomaso Magagna, 50 anni di Verona, avrebbe tenuto le fila di alcune società ”schermo” aperte in Gran Bretagna, Svizzera e Italia, usate come collettori per i denari raccolti fra la clientela. Ai vertici del sodalizio anche lo svizzero di Berna, Bassem Gobran, 47 anni, che per gli inquirenti era, anche lui, tra gli organizzatori del sodalizio dedito alle truffe: suo compito sarebbe stato di concordare segretamente con i complici l’apparente attività di vendita a favore in modo da attirare i pagamenti, anche parziali. I clienti erano avvicinati e informati dello stato di ”avanzamento” delle pratiche e dei lavori con appositi incontri. Alcuni meeting si sono tenuti in location esclusive di Firenze, come lo Sporting Club Ugolino, l’Hotel Villa degli Olmi e l’Hotel Michelangelo, strutture ignare, come i clienti truffati, della finalità di questi incontri commerciali.

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments