TAV, DOMANI PRESIDIO SINDACALE A CANTIERE STAZIONE FOSTER

Foster “A 4 mesi dagli incontri istituzionali in cui era stato garantito che a breve sarebbero arrivate decisioni sulla continuità del cantiere per la costruzione della Stazione Foster e del sotto-attraversamento dei treni Alta Velocità, i lavoratori non hanno al momento alcuna rassicurazione sulla continuità del lavoro”. Così in una nota Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil della Toscana che annunciano una conferenza stampa durante il presidio dei lavoratori che si terrà domani, alle ore 12,30, davanti ai cancelli del cantiere in via Circondaria.

I lavori alla stazione Foster di Firenze, la fermata dedicata all’alta velocita’, “sono ai minimi termini”. Lo certificano, sottolineano Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil, i numeri del cantiere: “Da inizio aprile gli operai impiegati sono circa 35, molti meno dei 150 di un paio di mesi fa e ancora meno del numero medio necessario per realizzare l’opera: gli operai di imprese in subappalto sono circa 10, mentre le maestranze di Nodavia sono state ridotte a 25. A inizio mese, a 12 operai non sono stati rinnovati i contratti di lavoro inerenti all’opera ma sono stati ricollocati in altri cantieri delle aziende del gruppo (alcuni operai sono dovuti andare a lavorare all’estero)”, si legge nella nota. ”Non ci vogliamo rassegnare a questa situazione, pretendiamo chiarezza sia per i lavoratori sia per i cittadini”, dicono Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil.

Commenta la notizia

avatar
wpDiscuz