Omicidio Idy, ambasciatore Senegal a Nardella: fare chiarezza

omicidio IdY

 Sull’uccisione dell’ambulante senegalese Idy Diene a Firenze l’ambasciatore del Senegal Mamadou Saliou “ha assoluta fiducia nella magistratura perché faccia luce su ciò che è avvenuto, per capire ogni aspetto di questa vicenda gravissima”.

Lo ha riferito il console onorario del Senegal a Firenze Eraldo Stefani, sintetizzando quanto detto dall’ambasciatore durante l’incontro di questo pomeriggio a Palazzo Vecchio con il sindaco Dario Nardella, l’imam Izzedin Elzir ed esponenti della comunità senegalese suyll’omicidio di IdY Diene. “Ha portato un messaggio forte di pace e dialogo – ha aggiunto il console -. Ha fatto capire a tutti che di fronte alla morte c’è il dolore dei fiorentini, della comunità senegalese a Firenze, di tutto il Senegal”. Al centro l’omicidio di Diene, avvenuto il 5 marzo su Ponte Vespucci a per mano del pensionato Roberto Pirrone, che l’ha ucciso a colpi di pistola, ed anche i disordini nel centro della città la sera stessa e nei giorni successivi. Episodi questi ultimi culminati con l’allontanamento da un presidio sul ponte del sindaco Nardella, che ha ricevuto spintoni e uno sputo. “Firenze ha una storia di buoni rapporti con il Senegal – ha proseguito il console onorario Stefani – e questo continuare, anzi, devono esserci rapporti sempre migliori, da ogni punto di vista. Fatti come quelli dei giorni scorsi non devono avvenire, nella maniera più assoluta”.

Commenta la notizia

avatar