Alluvione Livorno: Nogarin; servono tecnici, soldi da soli non bastano

Nogarin

“Bisogno di personale qualificato capace di trasformare i soldi in interventi concreti”.

“Se non si dà la possibilità ai Comuni di assumere tecnici e personale specializzato in grado di firmare i progetti e far partire i cantieri per la messa in sicurezza del territorio, le risorse per il dopo alluvione rischiano di essere inutili”. Così il sindaco di Livorno Filippo Nogarin , a due mesi dalla catastrofe che si è abbattuta sulla città il 10 settembre scorso, torna a lamentare limiti nella possibilità di intervento nel dopo emergenza da parte delle amministrazioni.

“Il Commissario Enrico Rossi – continua il sindaco – ha inviato una lettera ai parlamentari toscani chiedendo loro di emendare la legge di bilancio, di modo che il governo copra i due terzi delle spese per l’alluvione di Livorno. In sostanza Rossi ha chiesto all’esecutivo, che per ora ha investito 15,5 milioni, di arrivare a quota 37-38 milioni. Una richiesta che condivido in pieno, visto l’impatto devastante che l’alluvione del 10 settembre ha avuto sulla nostra città”.

“La cosa più importante però – precisa Nogarin – è che questi eventuali fondi vengano spesi per il meglio. Non basta buttarli su progetti che esistono solo sulla carta. Noi abbiamo un disperato bisogno di personale. Personale qualificato, soprattutto tecnici specializzati, geometri, architetti e ingegneri capaci di trasformare questi soldi in interventi concreti”.

“Nelle scorse settimane – aggiunge il sindaco – sono andato personalmente dal numero uno della Protezione civile nazionale, Angelo Borrelli, per spiegargli la situazione paradossale in cui si trovano i Comuni colpiti da calamità naturali. A Livorno, ad esempio, grazie a Regione e governo abbiamo le risorse per realizzare gli interventi di messa in sicurezza del territorio e di riduzione del rischio residuo, ma ci mancano i tecnici in grado di firmare questi progetti e renderli esecutivi. Con il risultato che se gli interventi messi in preventivo non vengono conclusi entro 365 giorni dalla dichiarazione dello stato d’emergenza, ecco che i Comuni finiscono per perdere tutte le risorse messe a disposizione da Stato e Regione. Un paradosso che rischia di compromettere irrimediabilmente l’efficacia dell’intera macchina degli aiuti”.

“Per questo – conclude il sindaco – è indispensabile che una quota dei finanziamenti possa essere utilizzata per pagare consulenze tecniche e personale specializzato”.

Commenta la notizia

avatar
wpDiscuz