MOSCHEA FIRENZE, INCONTRO POSITIVO PD-SINDACI: “SI RIPARTE”

moschea firenze incontro

Sulla moschea di Firenze la discussione riparte, coinvolto Pd e comunità islamica. Oggi incontro positivo con i sindaci di partito del territorio metropolitano.

Nella discussione su dove consentire la realizzazione di una moschea e quale spazio concedere per la preghiera del ramadan di fine maggio a Firenze si riparte da capo coinvolgendo il Partito democratico e la comunità islamica. In sintesi, l’esito di un incontro in Palazzo medici Riccardi tra la segreteria metropolitana e cittadina del Pd, il gruppo Pd del consiglio metropolitano in Palazzo Medici Riccardi, e sindaci Pd del territorio fiorentino, tra i quali quelli di Firenze, Bagno a Ripoli, Impruneta, Signa, Lastra a Signa,  con l’aggiunta del sindaco Mdp di Calenzano, Alessio Biagioli.

Tutti i partecipanti, al termine dell’incontro, hanno definito il confronto molto positivo. Come spiega una nota, è stato stabilito unitariamente di affiancare e sostenere l’amministrazione fiorentina nelle soluzioni che verranno individuate per il Ramadan per la prossima fine di maggio, ribadendo che qualsiasi luogo individuato, non avrà nessun carattere di investitura per una soluzione da individuare in futuro e sarà invece solo occupato per il mese di preghiera.

Nelle settimane successive alla fine del Ramadan, inoltre, è stato deciso di incontrare come Partito democratico e con gli amministratori presenti all’incontro di oggi, tutti i rappresentanti della comunità islamica, a partire dall’Imam Izzedin Elzir, per capire, valutare e intervenire su tutte le soluzioni territoriali possibili sui territori e gli edifici
disponibili nel capoluogo e nei comuni metropolitani.

“Abbiamo fatto ripartire un lavoro importante mettendo assieme amministratori e Partito” ha commentato il segretario metropolitano Pd Fabio Incatasciato – “per definire nei prossimi mesi tutte le soluzioni possibili”. “Questo della moschea è un tema a cui dobbiamo dare risposta se vogliamo davvero una città fondata sull’integrazione, ma è anche un tema tutto metropolitano, dove col lavoro di tutti i nostri amministratori si possono trovare soluzioni adeguate e definitive. Da troppo tempo, nonostante le molte proposte del sindaco di Firenze, se ne sta parlando. Per il Pd fiorentino questa è una priorità, ovviamente da costruire con la partecipazione dei cittadini e di tutti i soggetti coinvolti” ha concluso.

Commenta la notizia

avatar