ISTITUTO DEGLI INNOCENTI: I PUTTI DI ANDREA DELLA ROBBIA TORNANO SULLA FACCIATA

ISTITUTOInizieranno lunedì 5 dicembre le operazioni per il ricollocamento dei Putti di Andrea della Robbia sulla facciata dell’Istituto degli Innocenti.

Dopo essere rimasti per quasi 6 mesi, eccezionalmente e per la prima volta nella loro storia, visibili al pubblico all’interno del Museo degli Innocenti, entro il mese di dicembre saranno riposizionati in facciata. Uno a uno lasceranno l’antico Coretto delle balie per ritrovare così la loro posizione originaria.
Le operazioni saranno ad opera dei restauratori dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, gli stessi che nel maggio 2015 li hanno rimossi dalla facciata dell’Istituto per restaurarli.
I 10 putti robbiani non sono tutti uguali: sette bambini sono completamente avvolti dal torace alle caviglie mentre altri 2 hanno le fasciature che si slegano al di sotto della vita o delle ginocchia.

Solo un bambino, il settimo da sinistra, mostra le fasce slegate e cadenti ed è l’unico con i piedi liberi. Dei 4 putti realizzati nel 1845 dalla manifattura Ginori, e posti alle estremità della facciata, i primi 2 in corrispondenza del nuovo ingresso del Museo sono stati oggetto di un intervento di manutenzione nel maggio 2016, nell’ambito della prima fase di lavori di restauro dalle facciata e gli altri 2 lo saranno entro la fine del 2016 durante la seconda parte dei lavori di restauro della facciata.

www.istitutodeglinnocenti.it

Il nuovo Museo degli Innocenti ha aperto al pubblico il 24 giugno 2016. Il Museo offre spazi espositivi ampliati e rinnovati, nuovi servizi e attività a disposizione dei suoi visitatori e di tutta la città.

Tutto il percorso museale si sviluppa attorno al tema dell’accoglienza e racconta ai visitatori l’essenza dell’Istituto nei suoi sei secoli di attività, integrando il patrimonio documentario e dell’archivio con quello storico artistico, in un nuovo racconto che crea un filo continuo con la storia stessa dell’istituzione.

L’unicità del Museo degli Innocenti sta proprio nell’aver studiato e aver unito insieme arte, architettura e storia dell’infanzia e al contempo il racconto di sei secoli di impegno nella tutela e promozione dei diritti dei minori. Il nuovo Museo degli Innocenti offre 1456 mq di percorso espositivo disposti su tre livelli e 1655 mq per eventi temporanei e attività educative, un’offerta culturale legata al tema dell’infanzia declinata all’accoglienza.

Commenta la notizia

avatar
wpDiscuz