lunedì , 27 marzo , 2017 14:37
Your Ad Here
Home / Programmi / Il Collezionista / IL COLLEZIONISTA STILE VILLAGE PEOPLE MACHO MAN – 11-01-2015

IL COLLEZIONISTA STILE VILLAGE PEOPLE MACHO MAN – 11-01-2015

La mattinata de “Il Collezionista” si apre all’insegna di “Are you man enough” un brano funky dei For Tops in stile “Village People macho-man”

PAGINA DEL PODCAST: LINK.

ASCOLTA ON LINE:

, una tendenza musicale che fece scalpore nella metà degli anni ’70. Il brano è tratto ancora una volta da uno dei film del sequel Shaft, per la precisione “Shaft in Africa”, uscito in Italia come “Shaft contro i mercanti di schiavi”. Seguono due brani di breve durata ma intensi, tratti dal film svizzero-tedesco “Mental Cruelty” una pellicola del 1960 che racconta in maniera drammatica e sentimentale il rapporto burrascoso di una giovane coppia che, sull’orlo della separazione, ripercorre momenti teneri e difficili della loro esistenza comune. Il sound alquanto incalzante, a tratti claustrofobico, porta la penna del pianista George Gruntz con il grande sassofonista Barney Wilen tra le fila del gruppo e fu inciso in origine su un disco a 25 cm della Decca svizzera, ma recentemente ne è stata fatta una doverosa riedizione. “You are getting to be a habit with me” rappresenta invece il manifesto del West Coast Jazz californiano degli anni 50 e Marco Pacci lo ripropone nell’interpretazione di Shelly Manne and his men con il evidenza il sax alto di Joe Maini, tratto da un album Contemporary del 1953.

HENRY WRIGHT Stormy weather (FILEminimizer)L’angolo dello “swing all’italiana” è quest’oggi occupato da Henry Wright, il famoso cantante pop americano degli anni ’50, celebre per aver portato al successo la famosa “Abat-jour” … quella che diffondeva la luce blu, che si cimenta invece in un classico del jazz vocale dal titolo Stormy weather. In chiusura un Michel Legrand d’annata in un brano mozzafiato per big-band tratto dal film “L’affare Thomas Crown” del 1968 e una perla a 78 giri dove si può ascoltare l’apostolo della steel guitar e del genere “western swing” americano Bob Willis in Beaumont rag, incisa per l’etichetta Okeh nel 1938.

FOUR TOPS Are you man enough (da OST “Shaft in Africa”, ABC 1976)
GEORGE GRUNTZ Main theme + Romance (da OST “Mental cruelty”, Decca Svizzera, 1960)
SHELLY MANNE You’re getting to be a habit with me (da Shelly Manne and his men vol.1, Contemporary USA, 1953)
HENRY WRIGHT Stormy weather (Music ITA, prima metà anni ’60)
MICHEL LEGRAND Playing the field (da OST “The Thomas Crown affair”, United Artists USA, 1968)
BOB WILLIS TEXAS PLAYBOYS Beaumont rag (78 Okeh USA, 1938)

Check Also

ISAAC HAYES Shaft theme (FILEminimizer)

THEME FROM SHAFT CON IL COLLEZIONISTA MARCO PACCI

Apre il programma di questa prima Domenica di febbraio un classico del cinema blaxploitation, se ...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


4 − due =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>