Mobilità: una Bicipolitana per salvare Firenze dal traffico

Bicipolitana si propone di risolvere problema scelta dei percorsi più sicuri e rapidi fornendo mappa e direttrici rete ciclabile esistente.

Tanti ciclisti ma poche strutture a loro dedicate. La Bicipolitana proposta da FIAB Firenze Ciclabile è una risposta alle esigenze che si stanno evidenziando in questi anni di rinascita della mobilità ciclistica, in cui sempre più utenti lasciano l’ingombrante mezzo a motore per muoversi più rapidamente e serenamente con la bicicletta.

Con l’arrivo del Bike Sharing a flusso libero sempre più persone si sono avvicinate alla bicicletta e ne hanno provato i vantaggi, ma hanno anche avuto modo di rendersi conto del problema della sicurezza. A differenza dei ciclisti più esperti, molti di loro si sono trovati spaesati, sia nel dirigere il mezzo, sia nella scelta dei percorsi che sarebbero più sicuri per il loro tragitto.

La Bicipolitana, nata e già realizzata a Pesaro, si propone di risolvere proprio questo problema, fornendo in maniera rapida e intuitiva la mappa e le direttrici della rete ciclabile esistente. Al tempo stesso rappresenta un volano per l’individuazione delle priorità nella realizzazione delle prossime ciclabili. Nel disegnare la bicipolitana si individuano le direttrici già presenti nella rete ciclabile e le si evidenziano tramite un’opportuna mappa, nelle quale vengono rappresentate come vere e proprie “Linee della Bicipolitana”, dotate di una cartellonistica che individua i principali nodi come “fermate” e riporta i tempi di percorrenza medi. E proprio i tempi di percorrenza sono l’elemento caratterizzante, dal momento che per il ciclista, a differenza dell’automobilista, non è soggetto alla variabile traffico: sa quando parte e sa quando arriva, anche nei giorni di sciopero del trasporto pubblico.

A nessuno verrebbe in mente che a Firenze, se si esclude questo periodo contingente ai lavori della tramvia, è già possibile raggiungere, senza mai lasciare una pista ciclabile, la zona di Gavinana partendo dal Nuovo Pignone, o la fine di Viale Talenti partendo da Coverciano. Per non parlare dei tratti lungo l’Arno, che permettono di raggiungere il cuore della Città da due importanti “Capolinea” come il Girone e i Renai di Signa.

FIAB Firenze Ciclabile ha realizzato un suo progetto di Bicipolitana, semplice e complesso allo stesso tempo. Sono state individuate le prime quattro linee, già praticamente esistenti, ed altre possibili linee realizzabili con pochi investimenti. Le linee sono sintetizzate in una mappa di semplice lettura, essendo realizzata con le stesse tecniche grafiche di quelle delle metropolitana. La mappa guida al meglio il ciclista urbano nella scelta del tragitto da compiere, potendosi spostare in tutta velocità e sicurezza.

Il progetto ha come scopo la valorizzazione della rete esistente, ma si prefigge anche lo scopo di creare delle piste ciclabili “DOCG”, che, per far parte della Bicipolitana, devono rispondere ad un “decalogo” di requisiti tali da garantire al meglio la sicurezza del ciclista: un sistema di lanterne semaforiche dedicate, una particolare attenzione agli attraversamenti adeguando e migliorando la segnaletica, una riduzione degli spazi ibridi bicicletta/pedoni, un sistema di informazione sulla presenza di lavori in corso che potrebbero interrompere le linee e la segnalazione dei percorsi alternativi.

L’Associazione presenterà alla cittadinanza il suo progetto di Bicipolitana il prossimo mercoledì 15 novembre alle ore 21 presso lo Sportello Eco-Quo in Via dell’Agnolo 1D.

Commenta la notizia

avatar
wpDiscuz