Firenze, Movimento Casa occupa stabile in via Baracca

movimento casa occupa immobile in via Baracca

Occupato di nuovo a Firenze, stamani, da un gruppo di senza casa, uno stabile di proprietà dell’Unipol-Sai, già sgomberato da una precedente occupazione abusiva.

L’edificio è situato in via Baracca 18 e vi si sono accampate una quarantina di persone guidate dal Movimento di lotta per la casa. Tra loro, somali già protagonisti dell’occupazione dei magazzini ex Meyer in via Luca Giordano da
cui sono stati sgomberati la settimana scorsa.
Nella nuova occupazione di via Baracca i senzatetto hanno esposto striscioni con scritte tipo ‘Vogliamo le case’. Sul posto, personale della polizia, tra cui agenti della Digos.
Lo stabile Unipol-Sai era già stato occupato abusivamente nel 2013, poi, in tempi piuttosto rapidi, nel 2015 venne sgomberato.
Oggi è stato di nuovo occupato. “I rifugiati si riprendono casa in un edificio abbandonato dalle banche – scrive su Fb il Movimento di lotta per la casa –
Stamani, lunedì 17, il gruppo di rifugiati sgomberato lo scorso mercoledì dall’edificio di proprietà del Comune in via Luca Giordano hanno ripreso casa in un edificio di proprietà di Unipol-Sai in via Baracca 18, abbandonato dal momento della costruzione, occupato tre anni fa e sgomberato nel marzo 2015, e da quel momento lasciato sempre vuoto senza nessun progetto in
vista. La contraddizione è lampante: il Comune dichiara di aver finito i soldi e blocca quindi ogni tipo di soluzione per l’emergenza abitativa, alla faccia dell’auto-rappresentazione del Pd come “partito dell’accoglienza”, in particolare in Toscana. I rifugiati non ci stanno e puntano il dito contro quel
sistema banche-partiti-cooperative che è il nemico principale di chi oggi in Italia si ritrova in difficoltà economica”.

GUN

Commenta la notizia

avatar
wpDiscuz