EDILIZIA SCOLASTICA, INTERVENTI DELLA REGIONE TOSCANA

interventi?La Regione Toscana ha deciso di assegnare i propri fondi di bilancio in materia di edilizia scolastica, nonché nell’attuazione degli strumenti di programmazione di fondi statali, privilegiando interventi per l’adeguamento sismico e normativo, l’efficienza energetica, l’abolizione delle barriere, l’eliminazione dell’amianto e l’ammodernamento degli edifici.

Lo ha detto l’assessore all’istruzione Cristina Grieco  interventi al termine della settimanale riunione della Giunta Regionale illustrando quelli che saranno gli interventi della regione per l’edilizia scolastica.
La regione Toscana ha potuto utilizzare i finanziamenti del Decreto del Fare, che contiene misure urgenti in tema di riqualificazione e messa in sicurezza delle istituzioni scolastiche statali, finanziando 58 progetti per un importo di oltre 13 milioni di Euro. Gli interventi hanno riguardato: “manutenzione straordinaria”, “ristrutturazione edilizia” e “risanamento conservatorio” e nuove costruzioni; 24 di questi progetti sono stati finanziati in scorrimento con la Delibera CIPE 30 giugno 2014.

La Regione poi, oltre a destinare l’intero importo assegnato alla Toscana per il triennio, per oltre 56 milioni di euro, con il quale si sono finanziati i primi 62 interventi presenti nel triennale, ha in programma di destinare tutte le risorse che deriveranno dai recuperi allo scorrimento del Piano triennale del fabbisogno; infatti dei 532 interventi riportati nel piano triennale, approvato con il decreto n. 1831/2015, ben 235 hanno progetti esecutivi immediatamente cantierabili e 104 hanno una progettazione definitiva.
Per quanto  prevenzione sismica, è stato introdotto l’obbligo di sottoporre a verifiche tecniche gli edifici scolastici esistenti. Attualmente, dopo la verifica di 262 strutture, sono stati effettuati 258 lavori di prevenzione sismica.
Inoltre, riservando una quota di patto di stabilità, è possibile impegnare le risorse provenienti dal fondo pluriennale dalla cosiddetta “Legge Abruzzo” del 2009: è consentito infatti destinare alle scuole fino al 40% sia degli oltre 11 milioni di euro disponibili per interventi su edifici pubblici che ulteriori 5,5 milioni di euro di prossima erogazione alla Regione.

01Gimmy Tranquillo ha intervistato l’assessore all’istruzione Cristina Grieco:

160202_08 _EDILIZIA SCOLASTICA_GRIECO

 

 

 

Commenta la notizia

avatar