DIFFRAZIONI FESTIVAL, SECONDO GIORNO: MOSTRA DEDICATA A PIETRO GROSSI

Pietro Grossi

Martedì 22 novembre a Firenze, nella seconda giornata di Diffrazioni Festival, si terrà l’inaugurazione di due spazi espositivi: al Museo di Casa Martelli, con la mostra dedicata a Pietro Grossi, e presso le celle de Le Murate, dove sarà possibile osservare le installazioni multimediali di artisti internazionali.

Il Diffrazioni festival è una rassegna dedicata ai linguaggi dell’arte contemporanea, alla nuova concezione dei confini tra ricerca, espressione poetica e tecnologia.
Nella seconda giornata del festival, alle ore 14.00 a Casa Martelli, sarà possibile osservare le opere di artisti quali Serena Conese, Davide Innocenti e Carolina Gritti, con la performance interattiva “(No) Blinding Bulbs” e l’opera video di Michael Smith, dal titolo “Subcellular Abstractions“. Sarà inoltre svelata la mostra dal titolo “50 anni dalla nascita della prima Cattedra di Musica Elettronica in Italia al Conservatorio di Firenze“, un omaggio al fondatore Pietro Grossi. Nell’allestimento saranno esposte molte delle strumentazioni storiche di Grossi, donate poi al Conservatorio Cherubini. È proprio nello studio di Grossi che dal 1965 transitarono gran parte dei più importanti compositori e musicisti degli anni ’50, dando luogo ad importanti eventi e produzioni. Gli omaggi al compositore proseguiranno con una conferenza in programma presso la Palazzina Reale di Santa Maria Novella, venerdì 25 novembre alle ore 14.00, con relatori quali Donato Masci, Vito Cappellini, Marco Cappellini, Gema Fernandez Blanco Martin e Marco Ligabue.

Sempre martedì, alle ore 18.00 presso le celle de Le Murate (piazza Madonna della Neve) si aprirà la mostra con le opere “Bouncing (for Kinect)” di Krzysztof Wolek & Zach Thomas, installazione multimediale che creerà una composizione musicale interagendo con oggetti rimbalzanti. Quindi avremo Markus Reisinger con “In focus“, un lavoro a livello di subconscio sui meccanismi della percezione visiva, e infine Hala Gabr con la sua “Flustereted Farida“, opera legata alla concezione della donna.

Inoltre, alle ore 10.00 a Villa Favard, sarà possibile assistere come uditori alla masterclass di Esther Lamneck, interprete di fama mondiale di musica contemporanea e tecnologica. Si tratterà di un laboratorio rivolto a un gruppo di musicisti, studenti di altissimo livello, che la direttrice guiderà in esercizi di composizione e improvvisazione tramite strutture elettroniche e visual. Parteciperanno compositori americani quali Mara Helmuth, Jorge Sosa, David Duran e Edmar Soria. I risultati saranno presentati in prima assoluta il 27 novembre alle ore 21 presso la Palazzina Reale di Santa Maria Novella, per il concerto finale.

Il festival, organizzato dal Conservatorio Luigi Cherubini in collaborazione con Fiesolearte, proporrà fino al 27 novembre 130 opere di arte multimediale, tra musica, danza e arte visiva, di 150 artisti provenienti da 27 paesi del mondo. Luce, suono, scienza e arti performative si incontreranno e si fonderanno negli spazi suggestivi di Palazzina Reale, Palazzo Rosselli – Del Turco, Museo di Casa Martelli, Villa Favard e Le Murate.

Tutti gli eventi all’interno della manifestazione sono a ingresso libero.
Per ulteriori informazioni: www.diffrazionifestival.com  

Commenta la notizia

avatar