giovedì , 27 aprile , 2017 10:57
Terme Antica Querciolaia 2017
Home / Musica / Disco Della Settimana / DISCO DELLA SETTIMANA: DEPECHE MODE “SPIRIT”

DISCO DELLA SETTIMANA: DEPECHE MODE “SPIRIT”

depeche mode

Dopo quattro anni di silenzio discografico tornano i Depeche Mode con l’album “Spirit”, anche in versione deluxe con 5 brani remixati. Nel disco la tradizionale cupezza della band si veste di realismo politico.

Where’s the revolution/Come on people you’re letting me down” (“dov’è la rivoluzione. Su, gente, mi state deludendo”), canta Dave Gahan in “Where’s The Revolution”, il brano che ha anticipato l’album ed il ritorno dei pionieri dell’elettronica dopo quattro anni di silenzio discografico.  Il disco è uscito in tutto il mondo il 17 marzo per Columbia Records in versione standard (fisica e digitale) con 12 brani ed in una versione deluxe in doppio CD contenente uno speciale booklet di 28 pagine con foto e artwork esclusivi e 5 remix realizzati da Depeche Mode, Matrixxman e Kurt Uenala, chiamati “Jungle Spirit Mixes”.
“Spirit” uscirà anche in versione doppio vinile 180 g, che conterrà l’album standard su 3 facciate e una speciale serigrafia di “Spirit” stampata sulla quarta facciata. L’artwork e le fotografie che accompagnano l’album sono state realizzate da Anton Corbijn, celebre film-maker e collaboratore storico della band.

“Spirit”, che rappresenta la prima collaborazione dei Depeche Mode con James Ford dei Simian Mobile Disco (Foals, Florence & The Machine, Arctic Monkeys), è il seguito di “Delta Machine”, fortunatissimo album del 2013 che aveva debuttato al numero 1 delle classifiche in 12 paesi. Q Magazine l’ha definito “l’album più energico dei Depeche Mode da molti anni a questa parte”.

Dave Gahan ha dichiarato: “Siamo estremamente orgogliosi di Spirit e non vediamo l’ora di farlo sentire a tutti. Con James Ford e il resto del team di produzione abbiamo realizzato un album che trovo davvero potente, tanto a livello di sound quanto di messaggio”.

I Depeche Mode presenteranno il nuovo disco con un grande tour mondiale che inizierà il 5 maggio a Stoccolma e proseguirà negli stadi europei prima di arrivare in Nord America e Sud America dopo l’estate. Per il calendario europeo e gli aggiornamenti sui prossimi concerti: www.depechemode.com

Così ha accolto l’album Ondarock:

I presupposti per leggere nel quattordicesimo disco in studio dei Depeche Mode l’ennesima dimostrazione di forza da parte della Columbia/Sony c’erano tutti. L’annuncio del tour mondiale già a ottobre, in una conferenza stampa a Milano nella quale ben poco era lecito sapere sul materiale in arrivo, aveva tutta l’aria dell’operazione escogitata più per fare cassa che per presentare un eventuale nuovo corso del trio di Basildon. Se si aggiungono le prove non particolarmente intriganti degli ultimi due episodi “Sounds Of The Universe” e “Delta Machine”, poteva essere facile associare l’evento al malcelato tentativo di nascondere la classica deriva che porta band di indiscusso valore a prediligere la calda sicurezza della celebrazione live alla volontà di onorare la carriera con adeguata urgenza artistica (sentiero già imboccato da tempo dai coetanei U2).
Rimaneva tuttavia interessante la scelta di sostituire il collaudato Ben Hillier con James Ford (produttore tra i più richiesti negli ultimi dieci anni, al lavoro con Arctic Monkeys, Florence & The Machine, The Last Shadow Puppets, Foals, Klaxons, Mumford & Sons) proprio perché in controtendenza rispetto alla possibilità che i Depeche avessero davvero cominciato a indugiare sugli allori.

Una prima vera indicazione in merito l’ha fornita il singolo “Where’s The Revolution”, il cui titolo già da solo sposta il baricentro di tutto l’immaginario lirico al quale la ditta Gore-Gahan-Fletcher ci ha abituato in tempi più o meno recenti. Se si esclude infatti il periodo 1983-84 (quello di “Construction Time Again” e “Some Great Reward”), non è immediato ritrovare l’impronta di contenuto sociale/politico nei testi della band, come se, nel successivo percorso verso quel suono scuro che tutti abbiamo imparato ad amare, le priorità comunicative si fossero orientate su altro (a prescindere dai problemi di dipendenze dei singoli membri). “Where’s The Revolution” riparte dalla precisa sensazione di avere nuovamente il fiato dell’insofferenza sul collo, con l’aggravante di aver assistito nel frattempo al fallimento di tutti gli spendibili ideali di rivoluzione (“Who’s making your decisions?/ You or your religion/ Your government, your countries/ You patriotic junkies”), e utilizza una semplice domanda per indagare che fine ha fatto la nostra capacità di reagire.
Non si tratta, però, di un episodio isolato. “Spirit” è un album concepito prima della Brexit e dell’elezione di Trump, ma riesce comunque a incarnarne perfettamente le tensioni e lo smarrimento (soprattutto quello di chi appartiene alla generazione dei DM, naturalmente più in grado di fare valutazioni comparative con il passato), incorniciati tra l’amara riflessione dell’opener “Going Backwards” (“We’re going backwards/ Ignoring the realities/ Going backwards/ Are you counting all the casualties?”) e la pesantissima arrendevolezza finale di “Fail” (“People, what are we thinking?/ It’s shameful, our standards are sinking/ We’re barely hanging on/ Our spirit has gone”).

Sebbene il disco non ruoti soltanto intorno a questi temi, è innegabile vedere il loro impatto anche nella scelta delle timbriche, guidate da sintetizzatori sempre più in linea con il minimalismo kraut. Da questo punto di vista, già al primo ascolto appare evidente una ritrovata capacità di dare risalto alla scrittura come non accadeva dai tempi di “Playing The Angel”, e qui è probabile che a far la differenza sia stato proprio James Ford, grazie alla perizia nel disegnare una linea più coerente tra le varie tracce (asciugate da ogni orpello inutile) e nello svincolare la band dalle pretese di chi ha eternamente bisogno della nuova “Enjoy The Silence” (a che pro, poi?).
Gahan rispolvera un’intera gamma di colori vocali, perfettamente a suo agio tanto nella dolcezza feroce di “The Worst Crime” quanto nelle cadenze easy di “So Much Love” e “No More (This Is The Last Time)”, ma è con “Cover Me” che il disco raggiunge il suo zenit, perfetto corpus di intenti fra liriche che parlano dell’avere finalmente trovato un nuovo pianeta su cui vivere – purtroppo identico alla Terra – e la conseguente delusione dipinta dalla appassionata chiusura strumentale, vero momento in cui l’imperversare di synth puntiformi lascia spazio al viaggio emozionale.
Gore misura con efficacia sia i consueti innesti chitarristici sia il ruolo di interprete, rintracciabile nella già citata “Fail” e nel romantico (e un po’ stucchevole) interludio di “Eternal”, indice di quanto sia ora importante per lui l’aspetto familiare.

Disco sia di ripartenza che di continuità, “Spirit” spinge più sul realismo che sul pessimismo e mantiene intatte le coordinate DM dalla prima all’ultima nota, con buona pace di chi idealizza il ritorno romantico di Alan Wilder in veste di restauratore degli orizzonti di gloria. È un disco per comprendere che i Depeche possono attraversare con tranquillità il giro di boa ed entrare ufficialmente nel novero delle rockstar mature ancora in grado di sintonizzarsi con lo spirito dell’epoca attuale. Esattamente quanto di più lecito si possa attendere da artisti con una storia come la loro alle spalle.

così, più cauto,  Sentireascoltare:

Si è già letto e detto quasi tutto sull’ultimo Depeche Mode. Si è parlato di una band ormai sotto il rigido controllo artistico di Martin Gore; si è ampiamente dibattuto circa la sua decisione di farsi affiancare alla produzione da James Ford dei Simian Mobile Disco (scelta salutata con favore soprattutto da chi, dopo l’ultimo Delta Machine, aveva dato per chiusa la pratica Depeche Mode). È stato infine sezionato il singolo Where’s the Revolution, che aveva visto scendere in piazza l’oscuro ed anthemico gospel pop del gruppo per rivestire un insolito ruolo ribellista (su cui qualcuno non ha esitato ad ironizzare).

Sono argomenti validi, per carità, ma utili soprattutto ad innescare una narrazione, a dare identità ad un album che, in quanto a ispirazione, resta fedele alla direzione imboccata dalla band a partire da Playing the Angel. Vale a dire quella di un blues rock sintetico e soulful, ripiegato in modo (troppo) uniforme ed autoreferenziale sui toni più dolenti e drammatici. Alla luce della storia travagliata della band e dei singoli suoi membri è difficile stendere una classifica dei lavori più tetri e pessimisti, ma non si fatica ad inserire Spirit in un’ipotetica shortlist. Questa volta però il pessimismo si fa pubblico, anzi, politico. Un malessere che si rivela in sound sporco, fisico e nervoso, che ha come output l’invettiva astiosa di Scum o la retorica generica sul “dove andremo a finire, signora mia” di Going Backwards.

Intendiamoci, dai tempi di Black Celebration, Gore e soci hanno alle spalle una solida tradizione di umori lividi e scenari claustrofobici, ma su requiem contriti come The Worst Crime sembrano operare con troppo mestiere, oltretutto senza l’afflato introspettivo che aveva caratterizzato i loro momenti artisticamente più felici. Bisogna attendere You Move per riscoprirli interessati ad intessere groove e Cover Me perché all’orizzonte, illuminata da vasti tappeti di elettronica krauta, si affacci un’ipotesi di redenzione.

Dopo un paio di numeri piuttosto canonici come Eternal (una di quelle torch song con cui Gore si ritaglia un momento di intimità con il suo pubblico) e Poison Heart (abrasiva break up song dalle taglienti meccaniche industrial) ci si avvia verso la parte più interessante dell’album. È qui che i DM recuperano il loro afflato pop. Prima con un uptempo adornato da suggestivi droni di chitarra, che melodicamente richiama i tempi di Construction Time Again (So Much Love). Quindi con gli sbuffi analogici di No More (This Is the Last Time), forse il frammento più 80s oriented di tutta la tracklist.

La chiusura spetta a Fail cantata da un Martin Gore al culmine dello slancio polemico (“Our consciences are bankrupt, we’re fucked“) i cui cupi bordoni elettronici si schiariscono con l’incalzare della ritmiche. Una conclusione tutto sommato anomala per un album cinico e arrabbiato, in cui traspare ben poco dello “spirito” del titolo.

Check Also

Rocks

VISARNO: ‘FIRENZE SUMMER FESTIVAL’, ‘FIRENZE ROCKS’ E ‘DECIBEL OPEN AIR’

🔈Firenze, presentato in Palazzo Vecchio il calendario dei concerti di quest’estate, che si terranno all’Arena ...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


5 + due =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>