Degrado, Nardella: lavori socialmente utili per chi sporca la città

degrado

Lavori socialmente utili contro chi sporca e imbratta le citta’. E’ la proposta che il sindaco di Firenze Dario Nardella girera’ ai candidati in lizza per entrare in Parlamento.

“Nessuno puo’ usare la citta’ come fosse casa propria. Visto che ci saranno le elezioni- spiega intervenendo a Lady Radio- io chiedero’ a tutti i candidati un impegno per rendere piu’ severe certe regole che riguardano piccoli reati o illeciti, come i parcheggiatori abusivi, chi imbratta o sporca”.

Per Nardella, quindi, servono “un po’ di lavori socialmente utili. Se si trova uno che imbratta una parete, che la sporca, che fa violenza sull’arredo urbano, tutte cose che non c’entrano niente con i murales o con la libera espressione della creativita’, si prende e si mette due settimane a pulire i muri della citta’”. Lo sfogo del primo cittadino nasce delle scritte apparse nella nuova passerella dell’Isolotto pochi giorno dopo l’inaugurazione dell’opera. Un gesto che “e’ il segno dell’incivilta’. Per questo io insisto sul progetto di rimettere un’ora obbligatoria di educazione civica con voto in tutte le scuole. Perche’ tutto comincia da li’, dall’educazione”.

In riferimento alla passerella nei giorni scorsi una task force guidata dall’assessora comunale Alessia Bettini ha ripulito le scritte spray. L’iniziativa si è svolta in collaborazione con gli Angeli del Bello.

Bettini sul suo profilo facebook ha reso conto anche di altre iniziative anti degrado che si sono svolte in questi giorni in città: 

“In occasione di un sopralluogo in piazza Santo Spirito ho notato che il mascherone in marmo della fontana era stato coperto da scritte e alcuni lampioni da adesivi…ho avvertito gli uffici competenti del nostro Comune (servizio “Belle Arti”) che prontamente hanno provveduto a rimuovere le #scrittevandaliche e che ringrazio per la tempestività”.

LEAVE A REPLY