giovedì , 23 febbraio , 2017 10:29
Metastasio stagione 2016-2017
Home / .Controradio News / CORIPRO, UN CONSORZIO PER LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA DELLE PIANTE DI OLIVO

CORIPRO, UN CONSORZIO PER LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA DELLE PIANTE DI OLIVO

coripro🔈Firenze, la Regione Toscana, che da alcuni anni è impegnata a garantire il controllo e la sicurezza della filiera della produzione dell’extravergine di oliva, supporta il sistema di certificazione degli oliveti toscani adottato dai produttori toscani riuniti in consorzio, il CoRiPro.

È stato questo l’oggetto della conferenza stampa, tenutasi  a Palazzo Strozzi Sacrati nella quale sono intervenuti l’assessore all’agricoltura Marco Remaschi ed il portavoce del Giuliano Incerpi.

CoRiPro, che sta per Consorzio per la certificazione volontaria delle piante di olivo, è un consorzio volontario no-profit, già operante sotto altro nome fin dagli anni settanta a Pescia, che riunisce l’attività delle principali aziende vivaistiche specializzate nella produzione di piante di olivo, che garantiscono oltre il 60% della produzione pesciatina.

Insieme ai principali centri di ricerca e universitari toscani e nazionali che si occupano di olivicoltura (CNR-Ivalsa, Unifi, Crea-viv, Itas-Pescia) il CORIPRO partecipa attivamente a Piani Integrati di Filera e a progetti del PSR toscano e del PON (Piano Olivicolo Nazionale).

Il Consorzio nasce allo scopo di garantire l’identità varietale e la rispondenza fitosanitaria delle piante prodotte. I vivai del Co.Ri.Pro aderiscono a un sistema di certificazione garantito dalla Regione Toscana e dal Ministero dell’Agricoltura. Il materiale per la propagazione deriva da piante madri selezionate da organismi pubblici, Università e Consiglio Nazionale delle Ricerche. Funzionari pubblici del Servizio Fitosanitario Regionale Toscano effettuano in vivaio il controllo delle attività e delle fasi di crescita.

Il fiore all’occhiello del Consorzio sono le cinque varietà internazionali (Frantoio, Leccino, Moraiolo, Maurino e Pendolino) che sono garantite Virus Esente, ovvero esenti da tutti i virus conosciuti dell’olivo.

Le etichette di garanzia vengono rilasciate alle aziende (comunque responsabili della autocertificazione) previo verifica dei requisiti sanitari e qualitativi.

A queste cinque, se ne stanno aggiungendo altre otto (Correggiolo, Grappolo, Leccio del corno, Olivastra seggianese, Rossellino cerretano, Piangente, San Francesco, Madremignola), caratteristiche dei DOP e IGP toscani, e altrettanto importanti per produrre olio extravergine di qualità. Le piante madri di queste preziose varietà toscane sono attualmente conservate presso l’Azienda di Santa Paolina (Follonica-GR) del CNR-Ivalsa, nella disponibilità esclusiva delle aziende vivaistiche associate al CoRiPro.

Gimmy Tranquillo ha intervistato l’Assessore Remaschi:

170111_coripro_remaschi

Check Also

san ginesio marche terremoto

SAN CASCIANO ADOTTA SAN GINESIO: AIUTI PER RICOSTRUZIONE TERREMOTO

Prende il via un percorso amicizia speciale tra San Casciano e San Ginesio: la comunità ...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− sette = 1

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>