Concerto dei Rolling Stones, proteste spettatori ed esposto Codacons

Lucca, il Codacons, già in queste prime ore susseguenti il concerto dei Rolling Stones, sta ricevendo le proteste di molti spettatori che ieri vi hanno assistito.

Secondo quanto fatto sapere da Codacons infatti, le molte proteste di chi ha assistito al concerto dei Rolling Stones denuncerebbero carenze sul fronte dell’organizzazione e disagi di vario tipo tra gli spettatori.

Tra le proteste più diffuse la mancanza di una procedura adeguata che permettesse di lasciare in un posto sicuro gli zaini che non potevano essere introdotti oltre le aree di pre-filtraggio e che sono stati abbandonati alla rinfusa in aree di raccolta, nella speranza di ritrovarli a fine del concerto.  Ricordiamo a tale proposito che le regole imposte dall’organizzazione e dalle forze dell’ordine erano che all’interno dell’area concerto non potesse entrare alcun contenitore che fosse più grande di un formato A5.

Altro problema denunciato dagli spettatori stato quello dell’insufficienza del numero dei bagni chimici nell’area concerto. Erano state infatti portate cabine bagno di plastica, ma in numero numero che, a giudicare dalla lunga fila di persone che già dal pomeriggio urinava lungo l’esterno del baluardo San Paolino, non si è rivelato adeguato al numero delle persone che hanno affollato l’evento.

Ed ancora soprattutto sui Social Network si stanno susseguendo le proteste di chi, pur avendo pagato un regolare biglietto, non ha potuto godere pienamente del concerto, gli utenti denunciano la totale inadeguatezza della location, che ha reso non visibile per molti il palco, ma anche lo spazio ristretto per gli spettatori, la presenza di persone arrampicate su alberi e lampioni, code chilometriche e anche un’acustica non all’altezza dell’evento.

A causa di tutte queste migliaia di recensioni negative, il Codacons ha deciso di rivolgersi alla Procura di Lucca, con un esposto che sarà presentato lunedì in cui si chiede di aprire “Una indagine sull’organizzazione del concerto, per verificare il pieno rispetto dei diritti degli utenti che hanno pagato un regolare biglietto a fronte di un servizio per molti deludente”.

Contrariamente a quanto scritto nell’articolo precedente, il Diavolo ci ha messo la coda.

Sympathy For The Devil

Commenta la notizia

avatar
Ordina per:   nuovi | vecchi | i più votati
andrea
Ospite

Stones a Lucca
il pericolo maggiore e’ stato corso al momento di far defluire gli spettatori TUTTI dal Viale Goldoni
senza dividere le corsie per le 2 uscite A e B che essendo opposte hanno provocato l’incontro/scontro con migliaia di spettatori che andavano in direzioni opposte
per pura fortuna , se cadevi venivi calpestato , non e’ successo niente a parte vari malori .
Ma e’ possibile che vicende come Torino non insegnino niente e che la Prefettura dia permessi tali in ambienti che a mala pena reggono 15/20000 persone

Michele
Ospite

Hai assolutamente ragione. A fine concerto chi era lì sa benissimo in che situazione eravamo , bastava davvero poco perché finisse in tragedia.

andrea
Ospite

Si sapeva già tutto , i fans si sono accontentati di vedere i loro idoli, altri di essere presenti all’ “evento”…Si sapeva perche’ si conosceva la location che a differenza del Circo Massino aveva enormi criticità. Ma agli occhi dei fans si era ” complottisti”….

max
Ospite

Sai come si dice” per i bischeri non vi è paradiso”
Andare a vedere gli anziani stones e paragonabile a fare l’amore con una anziana di 80 anni pensando sia uguale alla donna di 60 anni prima e poi rimanerci male perché il risultato non era lo stesso!!!!!!!!!!!!!

Alberto
Ospite

senza contare le situazioni di pericolo legate alla gente che per disperazione si arrampicava ovunque (in 20 appollaiati sopra all’officiai merchandising) , basti pensare che c’era più gente nel prato e in strada di quella che entra in uno stadio, ma praticamente quasi senza tribune… gente che aveva pagato 120 euro… palco troppo basso per quella situazione, ovvero dal prato non si vedeva assolutamente nulla anche saltando…strutture del palco che così come erano disegnate, rendevano ancora più difficoltosa la visione da terra… lato destro del pratoB dal quale si infilava gente liberamente essendo in origine una circonvallazione, rendendo tra l’altro inutile arrivare in anticipo e creando un movimento continuo di persone…

Claudio
Ospite

Organizzazione SCANDALOSA. 60.000 persone dove c’era capienza per massimo 30.000, non si vedeva nulla, gente arrampicata sui tralicci, sui bagni, sugli alberi. Tutti un una conca con il palco più in basso o sulla strada con le file di cessi a coprire la visuale.Gli organizzatori e la prefettura devono accendere un cero alla Madonna se non è successo un disastro.Tutti che spingevano.
Peccato, un concerto che poteva e doveva restare nella storia resterà invece nella storia per la pochezza degli organizzatori che lo hanno rovinato.

LUCIA
Ospite

Vorrei dire a chi si è proposto come organizzatore di questo evento (che sicuramente non ha mai visto un concerto da pagante nella sua vita.) Che molti di noi fanno tanti sacrifici per riuscire a pagarsi un biglietto 120,00 + volo 100,00+ B&B 30,00 e treno 10,00 e arrivare lì e non vedere un CA…O. Perchè non si possono mettere delle strutture davanti al palco, le metti lateralmente oppure dietro al pubblico…….. ASINO!

max
Ospite

la peggior organizzazione di concerto mai vista: misure di sicurezze assenti, visibilità nulla

wpDiscuz